agenzie

Insulti omofobi su Fb, Stefano Bozzato assolto. Non era lui a usare profilo

Insulti omofobi su Fb, Stefano Bozzato assolto. Non era lui a usare profilo

Insulti omofobi su Fb, Stefano Bozzato assolto. Non era lui a usare profilo

LA SPEZIA – “Finocchio maledetto me la paghi”. Per questa e altre minacce apparse su Facebook, è finito nei guai Stefano Bozzato, di 31 anni, residente a Beverino. A lui era intestato un profilo Facebook con tanto di foto e particolari sulla sua vita, che scriveva frasi violente e insulti omofobi al gestore di un albergo di La Spezia. Ma un giudice lo ha assolto: è stata un’altra persona ad usare la sua pagina Fb.

Questo il tenore delle frasi incriminate: “Facciamo una gara? Vince chi brucia più alberghi in una settimana, punteggio doppio se il proprietario è dentro”. E ancora: “Maledetto finocchio (…) oggi è partita la prima minaccia o caccia i soldi o ci torno e non so quanto gli convenga”.

San raffaele

La polizia postale ha iniziato così a indagare. Bozzato non aveva mai presentato una denuncia per scambio di persona, anche dopo essere venuto a conoscenza dell’indagine a suo carico. Alla fine però il Tribunale di La Spezia lo assolve perché estraneo ai fatti. Bisognerà atttendere 30 giorni per conoscere le esatte motivazioni della sentenza.

Il giudice sembrerebbe aver accolto la tesi della difesa, secondo la quale non ci sarebbe certezza che il profilo Facbook sia proprio dell’imputato. La polizia postale ha eseguito indagini lacunose e non ha fornito neppure un indirizzo Ip, al quale l’autore delle minacce si sarebbe collegato

Come spiega Il Secolo XIX:

Va premesso che questo è un problema che si verifica spesso in indagini del genere. Sì, perché Facebook solitamente non risponde agli investigatori italiani che presentano richieste simili agli uffici di Menlo Park, in California. Secondo molti tribunali quindi diventa impossibile stabilire con assoluta certezza chi utilizza un profilo Facebook. Nel processo per gli insulti omofobi era coinvolto anche Andrea Camaiora, 46 anni, di Santo Stefano Magra, uscito dal fascicolo per remissione di querela.

To Top