Blitz quotidiano
powered by aruba

Migranti. 2.500 funzionari Ue per aiutare la Grecia

A pieno regime saranno almeno 2.500 i funzionari - tra poliziotti, specialisti dell'asilo, interpreti e personale giudiziario - che gli stati membri della Ue manderanno in Grecia a supporto delle operazioni per la registrazione dei migranti, la gestione delle richieste d'asilo, le scorte dei migranti che saranno rinviati in Turchia ed il controllo dei campi in cui saranno detenuti i migranti economici irregolari in attesa di essere rimandati in Turchia.

BELGIO, BRUXELLES – A pieno regime saranno almeno 2.500 i funzionari – tra poliziotti, specialisti dell’asilo, interpreti e personale giudiziario – che gli stati membri della Ue manderanno in Grecia a supporto delle operazioni per la registrazione dei migranti, la gestione delle richieste d’asilo, le scorte dei migranti che saranno rinviati in Turchia ed il controllo dei campi in cui saranno detenuti i migranti economici irregolari in attesa di essere rimandati in Turchia.

Affiancheranno 1.500 tra funzionari ed agenti greci, per un totale di 4mila persone. Lo indicano i portavoce della Commissione, specificando che 20 Paesi hanno già fatto offerte di personale per 1.300 tra funzionari e agenti, 300 ciascuno da Francia e Germania.

I campi per i migranti saranno sempre sotto il controllo delle autorità greche. La sicurezza sarà garantita da agenti di polizia. L’esercito greco sarà impiegato per la costruzione di infrastrutture e per i bisogni primari, come la fornitura di pasti.