agenzie

Piranha pescato nelle acque del Po: più di mezzo chilo di peso e denti afilatissimi

Piranha pescato nelle acque del Po: mezzo chilo di peso e denti afilatissimi

Piranha pescato nelle acque del Po: mezzo chilo di peso e denti afilatissimi (foto Il Giorno)

CASALMAGGIORE – Un piranha pescato nelle acque del Po. Carlo Gradella, 80enne di Casalmaggiore in provincia do Cremona che, come scrive Il Giorno, lo ha tirato a riva mentre pescava nel canale Galasso tra Colorno e il Po. Dopo essersi trovato di fronte a questo pesce così particolare ha deciso di andare fino in fondo, rivolgendosi all’Acquario del Po di Motta Baluffi.

Qui gli hanno confermato i suoi sospetti: non era un pesce del Po, e nemmeno della pianura padana. Si tratta di un piranha rosso, un pesce vorace, tipico delle acque tropicali. “Il pescatore è un frequentatore dell’Acquario del Po che io gestisco – spiega Vitaliano Daolio direttore dell’Acquario di Motta Baluffi -. Mi ha telefonato dicendomi ‘ho preso questo pesce strano che non so cosa sia’. Sono andato a prenderlo alla sera: era un piranha rosso, in ottime condizioni tra l’altro, con una dentatura incredibile. Il pesce era morto perché il pescatore lo ha tenuto in un secchio con acqua del rubinetto, più fredda di quella del canale dove è stato pescato”.

Il piranha pesava 560 grammi, quindi era un pesce piuttosto grande, Non si sa da dove sia provenuto: tra le ipotesi, quella per cui qualcuno che lo teneva in un acquario che se ne potrebbe essere liberato lasciandolo libero in qualche canale.

Nelle ultime settimane la temperatura della bassa pianura padana ha sfiorato o superato, per diversi giorni, anche i 40 gradi. Per un pesce tropicale che vive solitamente nei fiumi o nelle zone umide di acqua dolce del Sudamerica, una temperatura del genere potrebbe essere stata ideale per vivere.

 

 

To Top