Ambiente

Artico, è allarme: i ghiacci raggiungono estensione minima da 40 anni

 Artico, è allarme: i ghiacci raggiungono estensione minima da 40 anni

Artico, è allarme: i ghiacci raggiungono estensione minima da 40 anni

ROMA – La conclusione dei rilievi sul ghiaccio marino nell’Artico, ha rivelato che il 13 settembre la regione ha raggiunto l’estensione minima di 4.64 milioni di km quadrati. Sebbene l’Artico durante il periodo estivo raggiunga sempre il minimo, gli esperti affermano che la portata è diminuita rapidamente a causa dei cambiamenti climatici, che hanno visto un lento, drammatico declino dalla fine degli anni ’70.

“La quantità di ghiaccio rimasto durante l’estate, dipende sia dallo strato formatosi a inizio anno, sia dalle condizioni meteorologiche, che influenzano senza dubbio lo scioglimento” ha spiegato Claire Parkinson, scienziata presso il Goddard Space Flight Center della NASA, scrive il Daily Mail. “Le condizioni meteorologiche non sono state particolarmente notevoli questa estate, eppure, il fatto che il livello del mare si sia abbassato, è perché le condizioni di base sono peggiorate rispetto a 38 anni fa”, ha osservato.

La nuova analisi viene fornita da dati della NASA e del National Snow and Ice Data Center (NSIDC) presso l’Università del Colorado Boulder. Secondo i ricercatori, le temperature di quest’anno sono state relativamente moderate. “Il clima contribuisce molto alla riduzione dei ghiacciai, velocizzando il processo di scioglimento. Se fosse accaduto trenta anni fa, i danni non sarebbero stati gli stessi, perché i ghiacciai erano più spessi e coprivano quasi interamente la regione” ha detto Parkinson.

A livello globale, il satellite mostra che la Terra “perde” il ghiaccio marino dal 1970, come parte di un ciclo annuale. “Quest’anno, infatti, ogni mese, da gennaio ad agosto, è stato registrato un nuovo record mensile nell’estensione globale del mare Artico”, ha concluso la scienziata.

To Top