Blitz quotidiano
powered by aruba

Gallipoli, mare diventa arancione per colpa delle alghe FOTO

LECCE – Le acque del mare di Gallipoli si sono tinte di arancione. La causa è la presenza di un’alga, la Noctiluca Scintillans, che non rappresenta problemi per la salute dell’uomo e non è tossica, ma infesta comunque le acque donando l’insolito colore.

Antonio Della Rocca sul Corriere del Mezzogiorno spiega che lo strano fenomeno si è verificato nel weekend del 2 e 3 aprile e che l’Arpa Puglia, l’agenzia regionale per l’ambiente, ha rassicurato la popolazione del Comune nel Salento. Nonostante l’insolita colorazione, l’alga non è tossica:

“A chiarire l’arcano ci ha pensato il Comune di Gallipoli, con una nota ufficiale a firma del commissario straordinario Guido Aprea: “Si tratta di Noctiluca Scintillans, il nome scientifico del dinoflagellato che, in questo week-end, ha caratterizzato con la sua presenza arancione il tratto di costa situato sul versante nord, in località San Salvatore”.

Le analisi sulle acque
Aprea cita il responso dei tecnici di Arpa Puglia, prontamente interpellati. Arpa, come spiega una nota municipale, ha escluso la tossicità della specie presente sul litorale gallipolino, eliminando ogni ipotesi di dannosità e pericolosità per la salute pubblica. “Gli esami hanno escluso in maniera piena ed esaustiva qualsiasi rischio per la salute pubblica – ha sottolineato il commissario prefettizio, Guidi Aprea – e di questo mi preme rassicurare la cittadinanza, giustamente allertata da quanto successo in questi giorni, rammentando tuttavia che quello della tutela della pubblica incolumità ha rappresentato e rappresenta sempre e comunque una priorità per questa gestione commissariale”.

Il precedente a Nardò
Nell’aprile del 2012 un caso analogo si era verificato sul litorale di Nardò. Un gruppo di sub aveva lanciato l’allarme. Gli accertamenti successivi avevano portato alle medesime conclusioni di oggi. Noctiluca Scintillans”.

Immagine 1 di 3
  • Gallipoli, mare diventa arancione per colpa delle alghe FOTO
Immagine 1 di 3

PER SAPERNE DI PIU'