Ambiente

Guida Blu 2017, ecco il mare più bello in Italia: Sardegna regina

Guida Blu 2017, ecco il mare più bello in Italia: Sardegna regina

Guida Blu 2017, ecco il mare più bello in Italia: Sardegna regina

ROMA – Il litorale di Chia, la Maremma Toscana, Baronia di Posada e Parco di Tepilora. E’ questo il podio dell’estate 2017 per la nuova Guida Blu di Legambiente e Touring club italiano, una bussola per orientarsi tra le più belle località di mare e di lago del nostro Paese che quest’anno porta con se anche qualche novità a cominciare dalla scelta di premiare i comprensori turistici (100 quelli messi in fila in questa edizione) e non soltanto i Comuni con le ‘storiche’ vele.

E nel 2017 le 5 vele (il voto più alto) vanno a 21 comprensori turistici: 15 marini e 6 lacustri (Molveno, in provincia di Trento, il migliore). La Sardegna è la Regione più premiata con 5 comprensori a 5 vele; poi la Sicilia con 3 comprensori premiati con le 5 vele, la Toscana (2 comprensori), la Puglia.

“In questi anni – dichiara la presidente di Legambiente Rossella Muroni – abbiamo assistito ad una evoluzione del turismo che è passato da un turismo di massa ad un turismo di qualità, attento all’ambiente e alla sostenibilità. Sono per altro aumentate le persone che scelgono luoghi e mete ecofriendly e un turismo green”.

Nella classifica della nuova Guida Blu ‘Il mare più bello 2017’ ci sono poi: il Litorale di Baunei (sulla costa orientale sarda), l’Alto Salento Adriatico (con i comuni di Melendugno e Otranto in provincia di Lecce), la Costa del parco Agrario degli Ulivi secolari (sempre in Puglia, guidata dal comune di Polignano a Mare seguito da Ostuni, Monopoli, Fasano e Carovigno nelle provincie di Bari e Brindisi), la Costa d’Argento e Isola del Giglio (qui domina l’Isola del Giglio e Capalbio), la Planargia (ovvero il litorale del comune di Bosa).

Ed ancora, l’isola di Ustica (in Sicilia), la Gallura e l’Arcipelago de La Maddalena (vasto comprensorio nella Sardegna nord orientale guidato da Santa Teresa Gallura, comune al top, seguito da La Maddalena, Palau e Arzachena), il sud Cilento (in Campania con Pollica Acciaroli e Pioppi, miglior comune, seguito da Camerota, Centola-Palinuro, Castellabate ed altri), l’Isola di Salina (nell’arcipelago delle Eolie).

Si prosegue con la Costa di Maratea e il Golfo di Policastro (con Maratea come comune di spicco seguito da Sapri (Sa) e San Giovanni a Piro-Scario (Sa), le Cinque Terre (in Liguria guidate da Vernazza e poi da Monterosso al Mare e Riomaggiore) e il litorale nord Trapanese (un comprensorio nella Sicilia orientale con al vertice il comune di San Vito Lo Capo, seguito da Custonaci e Erice). Per quanto riguarda Anche le località migliori del turismo lacustre, dopo il Lago di Molveno (Tn), seguono il Lago di Fiè (Bz) e il Lago di Monticolo (Bz), tutti in Trentino Alto Adige; seguono in graduatoria il Lago del Mis in Veneto, il Lago dell’Accesa in Toscana e il lago di Avigliana Grande in Piemonte.

La Guida è stata costruita sulla base dei dati raccolti da Legambiente su caratteristiche ambientali e qualità dei servizi che vanno dall’uso del suolo alla biodiversità fino alle attività turistiche e a iniziative per la sostenibilità.

To Top