Ambiente

Inquinamento. Ricerca, il suo aumento collegato a più ictus

Inquinamento

Inquinamento

USA, FILADELFIA – Livelli più elevati di inquinamento atmosferico si collegano a un numero più alto di ictus. È quanto si sostiene in una ricerca presentata alla Conferenza Internazionale sull’ictus dell’American Stroke Association, secondo cui la qualità dell’aria e il cambiamento climatico contribuiscono alle malattie cardiovascolari.

I ricercatori, guidati dal docente di epidemiologia e biostatistica della Drexel University di Philadelphia, Longjian Liu, hanno preso in esame i due più grandi inquinatori mondiali, Cina e Stati Uniti, e hanno valutato i dati sulla qualità dell’aria dal 2010 al 2013 in 1.118 contee Usa e in 132 città cinesi.

Stando ai risultati, il numero totale di ictus risulta aumentare dell’1,19% per ogni incremento di 10 microgrammi per metro cubico d’aria di polveri sottili (PM 2.5). Gli studiosi hanno anche riscontrato che la temperatura ha avuto un impatto sulla qualità dell’aria e sul rischio di ictus.

San raffaele

“Le variazioni stagionali della qualità dell’aria possono essere in parte attribuibili al cambiamento climatico”, ha detto Liu. “In estate ci sono molti giorni di pioggia e vento che possono contribuire a disperdere l’inquinamento atmosferico”. Tuttavia “le alte temperature creano uno stress termico critico che può portare a un aumentato rischio di ictus e altre malattie e morti legate al caldo e allo smog”.

Inoltre, ha aggiunto Liu, “i pazienti con ictus corrono il rischio di disidratazione in estate a causa delle alte temperature, e rischiano polmoniti, influenze e altre malattie respiratorie in inverno. Le donne e gli anziani sembrano essere i più vulnerabili al rischio di ictus a causa della qualità dell’aria e alle malattie legate al caldo”.
Livelli più elevati di inquinamento atmosferico si collegano a un numero più alto di ictus. È quanto si sostiene in una ricerca presentata alla Conferenza Internazionale sull’ictus dell’American Stroke Association, secondo cui la qualità dell’aria e il cambiamento climatico contribuiscono alle malattie cardiovascolari.

To Top