Blitz quotidiano
powered by aruba

Nebbia killer a Londra nel 1952 uccise 12mila persone. In Cina no, perché?

LONDRA – Nel lontano 1952 una fitta coltre di nebbia si sollevò su Londra. Poche ore dopo 12 mila persone erano morte e oltre 150mila erano finite all’ospedale. Oggi, nelle inquinatissime metropoli cinesi, la stessa nebbia è tornata a fare capolino, ma nessuno muore di smog. Perché? Gli scienziati della A&M University, in Texas, hanno risolto il mistero, tornando a fare ricerche proprio su quel tragico evento atmosferico di 64 anni e mettendo a confronto i dati.

Il team di ricerca, guidato dal professor Renyi Zhang, ha scoperto infatti che la causa scatenante della nebbia killer era il diossido di nitrogeno, che trasforma l’innocuo diossido di zolfo in letale acido solforico. Nella Londra degli anni Cinquanta, spiega l’esperto a Business Insider, era ampiamente noto che,

“il solfato fosse un grosso fattore della nebbia e che le particelle di acido solforico si formavano per l’emissione di diossido di zolfo dovuta alla combustione di carbone in case, fabbriche e centrali elettriche. Ma non era chiaro come il diossido di zolfo si fosse trasformato in acido solforico.

I nostri esperimenti hanno dimostrato che il processo è stato facilitato dal diossido di azoto, un altro prodotto della combustione del carbone, e all’inizio si formava con la nebbia naturale. Un altro aspetto chiave nella conversione del diossido di zolfo in solfato è che questo produce particelle acide, che in seguito inibiscono il processo.

La nebbia naturale conteneva particelle più grandi di varie decine di micrometri, e l’acido così formato era sufficientemente diluito. L’evaporazione di queste particelle di nebbia ha poi lasciato queste particelle di foschia acida più piccole che hanno ricoperto la città”.

Ma allora perché in Cina non si ha lo stesso effetto letale? Il paradosso è presto spiegato dallo scienziato:

“In Cina si usa una grande quantità di fertilizzanti che, combinati con l’insostenibile traffico stradale, produce alti livelli di ammoniaca nell’aria, che neutralizza le particelle sulfuree. La nebbia inglese era altamente acida, mentre quella cinese è essenzialmente neutra’‘.