Blitz quotidiano
powered by aruba

Piccioni ingaggiati per controllo inquinamento dell’ aria

LONDRA  –  Piccioni e inquinamento sono piaghe comuni alle città di tutto il mondo, ma un gruppo di ingegneri a Londra spera che gli uccelli possano aiutarli ad affrontare i problemi di qualità dell’aria.

Una società di tecnologia ha rivelato di aver legato degli zainetti per il controllo dell’inquinamento su dieci piccioni di Londra.

Per tre giorni, i londinesi saranno in grado di ottenere aggiornamenti in tempo reale dell‘inquinamento in loco, tweetando la loro posizione a @PigeonAir.

I dati provenienti da tre dei piccioni, chiamati Coco, Giulio e Norbert, saranno poi utilizzati per rispondere immediatamente, raccontando il livello di inquinamento nella loro area. Una mappa dal vivo è anche in fase di aggiornamento, specificando i livelli di inquinamento in diverse zone della capitale.

“L’inquinamento atmosferico non è e la gente non si impegna”, ha detto Pierre Duquesnoy, direttore creativo di DigitasLBi, che ha avuto l’idea originale,

“Così il cuore della nostra idea era far diventare l’inquinamento atmosferico più accessibile e rilevante per le persone. Il piccione Air Patrol è un perfetto esempio di come i dati combinati con la narrazione creativa possono aumentare la consapevolezza sui problemi di salute e sulla questione ambientale.”

Per sviluppare l’idea Duquesnoy ha lavorato con Plume Labs, una società di tecnologia che aiuta i consumatori a monitorare e ridurre la loro esposizione all’inquinamento atmosferico.

“L’inquinamento atmosferico è un enorme problema di salute ambientale, che uccide 10.000 persone ogni anno nella sola Londra” ha dichiarato Romain Lacombe, Amministratore Delegato di Plume Labs. “Mettere i sensori d’aria sul retro di piccioni va oltre la sensibilizzazione di questo problema e aiuta i londinesi a capire l’impatto dell’inquinamento in modo accessibile, tangibile e immediato”.

I piccioni utilizzati nello studio sono piccioni viaggiatori, che di solito vivono quattro volte più lungo dei piccioni di strada perché ben curati. Gli zaini di alta tecnologia che indossano per monitorare l’inquinamento sono piccoli e leggeri come una piuma.

La campagna verrà eseguita solo per tre giorni, dopodiché i volatili saranno in grado di tornare alla loro vita normale. La società spera che la campagna incoraggi i londinesi ad aderire alla Air Patrol, diventando beta tester per una versione portabile del dispositivo di misurazione dell’inquinamento atmosferico Plume Labs.

“Siamo alla ricerca di 100 persone da testare per il nostro nuovo sensore di inquinamento, in collaborazione con l’Imperial College di Londra, dice il sito. Se sei un ciclista o un corridore che vorrebbe sapere cosa sta respirando e come battere l’inquinamento, fai parte del nostro programma di test di una versione portabile del nostro dispositivo per l’inquinamento atmosferico.’


PER SAPERNE DI PIU'