Ambiente

Lago di Bracciano, “sta finendo l’acqua a Roma”. L’allarme di Zingaretti, M5s insorge

Siccità, "sta finendo l'acqua a Roma". L'allarme di Zingaretti, M5s insorge
Siccità, "sta finendo l'acqua a Roma". L'allarme di Zingaretti, M5s insorge

Siccità, “sta finendo l’acqua a Roma”. L’allarme di Zingaretti, M5s insorge

ROMA – Sta finendo l’acqua a Roma. A lanciare il grido d’allarme è il governatore del Lazio Nicola Zingaretti, dopo che la stessa Regione ha ordinato la sospensione dei prelievi dal lago di Bracciano, riserva idrica della Capitale. I livelli del bacino sono scesi sotto la soglia di sicurezza con il rischio di una catastrofe ambientale.

“Purtroppo è una tragedia – spiega Zingaretti a Tgcom24 – Abbiamo tempo 7 giorni per trovare tutte le possibilità al fine di limitare al massimo il disagio per i cittadini, ma è sbagliato chiudere gli occhi. Il problema c’è ed è grave. Sta finendo l’acqua a Roma”.

Acea, ha precisato poi il governatore, “preleva dal lago di Bracciano solo l’8% di tutto il fabbisogno e quindi immagino una quantità non importante dell’acqua. Per ridurre al massimo i disagi, Acea ha stabilito degli orari di eventuale blocco. Sui dati che ha fornito però dovete chiedere a loro. Basta andare con una fotocamera a Bracciano per capire che sta accadendo l’inimmaginabile – aggiunge – Far uscire l’acqua dai rubinetti è un diritto ma dobbiamo fare i conti con un problema enorme che è la siccità. Mi piacerebbe invitare qui Donald Trump per fargli capire cosa significa non rispettare gli accordi sul clima”.

Sulla decisione è insorto il Movimento 5 Stelle. “La Regione – dichiara il capogruppo del M5S in Campidoglio Paolo Ferrara – si è spinta troppo avanti senza coordinarsi con il Comune. Si sarebbe dovuto sentire prima il Comune visto che è una misura molto impattante sui cittadini”.

In arrivo, dunque, c’è l’acqua razionata per un milione a mezzo di romani. Nell’estate rovente 2017, della crisi idrica e degli incendi, l’Acea annuncia l’arrivo della misura “obbligata”, come sottolinea la multiutility, dopo la decisione della Regione Lazio di sospendere il prelievo dal lago di Bracciano.

A motivare la scelta dell’amministrazione regionale sono “innanzitutto” le “condizioni di deperimento del lago”. Ma l’Acea punta il dito contro l’atto, “unilaterale e illegittimo, che – avverte – comporterà importanti e gravi conseguenze per i cittadini di Roma”. “La drastica riduzione dell’afflusso di acqua alla rete idrica della Capitale ci costringerà a mettere in atto una rigida turnazione nella fornitura che riguarderà circa un milione e mezzo di romani – spiega il portavoce della società che gestisce acqua e energia elettrica in città – Acea, comunque, si impegna sin d’ora ad elaborare un piano dettagliato di emergenza che, non appena pronto, sarà messo a disposizione e comunicato capillarmente alla cittadinanza. Il gruppo altresì tutelerà in ogni sede non solo le proprie ragioni, ma anche gli interessi di tutta la sua utenza”.

Lo scontro, insomma, è alle porte. Da parte sua la Regione Lazio afferma che “l’obiettivo” è “recuperare per quanto possibile la naturale integrità ecologica” del bacino d’ acqua. “Il decremento negativo del lago è stato dovuto essenzialmente a due fattori: al prelievo per l’approvvigionamento idropotabile e all’evaporazione, particolarmente intensa in relazione alle alte temperature, e aggravata peraltro dalla perdurante assenza di precipitazioni nei mesi scorsi. In questo quadro, quindi, il direttore regionale delle Risorse idriche ha firmato l’ordinanza che impone ad Acea Ato 2 di azzerare ogni prelievo della risorsa idrica dal bacino del lago di Bracciano, entro e non oltre le ore 24 del giorno 28 luglio prossimo, onde consentire il ripristino del livello naturale delle acque del lago e della loro qualità. Acea Ato 2, inoltre, sarà tenuta a trasmettere alla Direzione regionale i dati giornalieri del livello idrometrico del bacino. Tale ordinanza ha validità fino al 31 dicembre 2017″.

“In 7 giorni non troveremo altra soluzione che razionare l’acqua a 1,5 milioni di romani, alle attività produttive, turistiche, ai palazzi delle istituzioni, al Vaticano: questo succederà. Non faremo il bene dell’immagine della Capitale d’Italia”. Così il presidente di Acea Ato 2 Paolo Saccani, a SkyTg24. “Noi l’acqua non la fabbrichiamo – ha aggiunto – Le soluzioni strutturali le abbiamo proposte alla Regione Lazio con una mia lettera del 4 luglio. Il problema delle perdite c’è, non lo neghiamo. Sono un male nazionale, non di Acea. L’azienda su mandato dei sindaci ha investito negli anni scorsi in fognatura e depurazione perché lì era l’emergenza – ha concluso – non è una responsabilità di Acea”.

To Top