Blitz quotidiano
powered by aruba

Il Raffaello da 30 sterline “dimenticato” nel castello scozzese

ROMA – Il Raffaello da 30 sterline “dimenticato” nel castello scozzese. Non era sepolto nelle cantine né nascosto in qualche segreta di Haddo House, il castello scozzese oggi di proprietà statale: non proprio in bella vista, ma esposto in un angolo insieme ad altri quadri, sotto le spoglie di un’opera attribuita a Innocenzo da Imola, un esperto d’arte capitato lì per altre ragioni, ha riconosciuto subito un capolavoro. Quella Madonna di Haddo, è risultato a una più attenta verifica essere un’opera del genio di Raffaello Sanzio.

Quel quadro, il cui valore adesso oscilla tra i 20 e i 35 milioni di sterline, solo un secolo e mezzo fa fu acquistato dal vecchio proprietario di Haddo House, George Hamilton-Gordon, per 30 sterline. L’indicazione di Innocenzo, coetaneo e della stessa scuola del maestro urbinate, va fatta risalire all’età del capolavoro (tra il 1505 e il 1510): ma stile e perizia dell’opera, l’inconfondibile pennellata non potevano sfuggire a Brendan Gosvenor, il critico d’arte della Bbc che orgogliosamente farà l’annuncio della scoperta stasera dal canale Bbc 4.

Dovrà, ovviamente, anche convincere il resto del mondo dell’arte. Ma è curiosa la serendipity che ha accompagnato la rivelazione iconografica: Brendan era al castello per un programma (“‘Britain’s Lost Masterpieces”) sui capolavori perduti britannici. Contava di menzionare un bravo pittore del rinascimento italiano, si è ritrovato a resuscitare un autentico “lost” Raffaello.