Blitz Blog

Terremoti e vulcani, stiamo freschi: i milioni sprecati all’Osservatorio Vesuviano

terremoto-osservatorio-vesuviano

Terremoti e vulcani, stiamo freschi: i milioni sprecati all’Osservatorio Vesuviano

ROMA – Terremoti e vulcani, stiamo freschi: i milioni sprecati all’Osservatorio Vesuviano. Giusto, anzi sacrosanto, visto che la Terra non smette di tremare e martoriare il nostro Paese, che nell’ultima manovra di bilancio siano stati stanziate risorse per 30 milioni di euro destinate a finanziare l’Istituto di vulcanologia Ingv.

Meno giusto, e piuttosto blasfemo, proprio in considerazione dei morti e dei crolli tutt’altro che inevitabili, lo spreco dissennato perpetrato all’Osservatorio Vesuviano, una malagestione raccontata anche dal Corriere della Sera dopo che chi aveva mosso rilievi dall’interno invece di esser premiato è stato allontanato, come gli studiosi Giuseppe Mastrolorenzo e Fedora Quattrocchi.

La vicenda riguarda i tre milioni di euro della Regione Campania e dell’Università spesi per acquistare costose apparecchiature lasciate poi a marcire in qualche deposito. 80 stazioni sismiche e una quindicina di complesse apparecchiature mai entrate in funzione. La notizia del nuovo stanziamento, alla luce dei fatti emersi, rischia di non essere una buona notizia: è purtroppo lecito dubitare che i soldi finiscano per essere ingoiati da un altro buco nero, meno appariscente ma più vorace del “formidabil monte, sterminator Vesevo”.

To Top