Blitz Blog

Virginia Raggi, bilancio di un anno: “Mi do 7 e mezzo”. Con le figure, con la matta…?

Virginia Raggi, bilancio di un anno: "Mi do 7 e mezzo". Con le figure, con la matta...?

Virginia Raggi, bilancio di un anno: “Mi do 7 e mezzo”. Con le figure, con la matta…?

ROMA – Virginia Raggi, bilancio di un anno: “Mi do 7 e mezzo”. Con le figure, con la matta…? “Direi un sette e mezzo”. Così la sindaca di Roma, Virginia Raggi, a margine della sua visita al Teatro Patologico, a chi gli chiedeva che voto si dà dopo un anno di mandato al governo della Capitale. Mettiamoci il normale pudore quando si è chiamati ad autogiudicarsi, siamo a un passo dall’eccellenza. Radio-cassonetto a Roma non dà gli stessi risultati, ma insomma sulla monnezza sono scivolati in molti.

E d’altra parte un sei politico non si nega nessuno. Ora il quesito che impegna cittadini ed elettori è capire come sia giunta Raggi al sette e mezzo. “Forse è un 7,5 raggiunto con tante figure…”, ironizza il consigliere capitolino Pd Marco Palumbo. Al Teatro Patologico, veneranda istituzione dove sanno che le persone normali non hanno nulla di eccezionale, non credono che alla Raggi sia uscita la “matta”.

Ha passato un anno a districarsi tra nomine, incarichi, assunzioni: due ordinanze su tre sono state dedicate a fare e disfare noiosi organigrammi, tutto sommato deve aver pensato che occuparsi tanto di “poltrone” alla fine meriti un voto alto, giustamente non il massimo. Il prossimo anno conta di finire per bene il lavoro. E’ possibile anche che per il futuro ex sindaco di Roma – un destino che vale per tutti beninteso – il voto sia una cosa e solo quella. Glielo ha ricordato il collega grillino Manlio Toninelli: “Sette e mezzo? Certo! D’altronde 7 su 10 sono stati i romani che si sono rivoltati a Mafia Capitale e perciò hanno votato per lei!”. Non fa una mezza piega.

To Top