Blitz quotidiano
powered by aruba

Alessandra Langella, trans Gomorra: “Ho pianto come…”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

ROMA – Alessandra Langella, protagonista di Gomorra, si racconta. Nella ormai famosissima serie tv è la prima persona a dire di no a Salvatore Conte, il boss che si innamora di lei. Ma è anche la prima trans del format. Un personaggio forte e credibile, nonostante Alessandra non abbia studiato per fare l’attrice. Lei fa la parrucchiera, ma quello che ha subito è molto simile a quello che rivive nella serie tv, così le lacrime sono autentiche, come ha raccontato lei stessa in un’intervista al Corriere della Sera.

“Anche nella vita, come nella serie, rispondo agli insulti di ogni tipo che ricevo in strada. Tra i tanti, il meno peggio è ‘ricchione’. Ma sono sempre stata una ragazza nata con il corpo di un uomo, e quando torno a casa inizio a piangere. In realtà, nella serie, non recitavo: ho vissuto davvero molte situazioni analoghe”.

Come la storia con un uomo che ha accettato con grandi difficoltà quella che era davvero:

“Ho avuto una storia con un uomo che per i primi sei mesi non voleva uscite pubbliche, solo dopo mi presentò alla sua famiglia e mi fece i conoscere il bambino nato da una precedente relazione. Siamo stati insieme tre anni, poi mi ha lasciato perché troppo geloso per le scene di nudo in ‘Gomorra’. Gli uomini vanno coi trans solo ed esclusivamente per il sesso. Ma io cerco di fare quello che fanno tutte le ragazze della mia età: lavoro molto come parrucchiera, anche perché spendo parecchi soldi per cercare di diventare sempre più donna e per questo mia madre sta facendo molti sacrifici. Poi, nella vita di tutti i giorni, oltre al lavoro ci sono gli aperitivi con le amiche. Queste sono le cose belle della mia vita, ma ogni giorno devo confrontarmi anche con la cattiveria delle persone”.

E cosa sia la vita lei lo sa:

“Ho avuto la fortuna di nascere uomo, ma con un piede 36, un corpicino esile e senza pomo d’Adamo. La mia forza è la mia sorellina, morta di cancro a 15 anni. Allora decisi di far passare un po’ di tempo e poi raccontare tutto a mia madre, farle capire che io ero una donna e che come tale doveva amarmi, perché ero accanto a lei”.

Alessandra Langella ha dovuto anche affrontare una cattiveria che ha rischiato di metterla nei guai:

“Le accuse del giro di prostituzione sono assolutamente false. Lavoro solo come parrucchiera, non è un caso che siano uscite subito dopo il mio ingresso nella serie: l’invidia e la malignità di certe persone non hanno limiti. Appena ho saputo, ho chiamato la produzione di ‘Gomorra’, volevo spiegare ma mi hanno detto che non ce n’è bisogno: mi hanno conosciuto, e bene”.

FOTO ANSA.

Immagine 1 di 18
  • Gomorra 2: personaggi, tutto quello che c'è da sapere FOTO4
Immagine 1 di 18

 


PER SAPERNE DI PIU'