Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Dominik Riedl, fuggitivo preso: ha ucciso e fatto a pezzi la fidanzata

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

LLORET DEL MAR – Dominik Riedl era un fuggitivo, sospettato di aver ucciso la fidanzata, Lisa, dopo averle tagliato la gola, fatto a pezzi il corpo e messi dentro a sacchetti di plastica dei rifiuti.

Riedl era scappato in Spagna, precisamente a Lloret del Mar, dove probabilmente sperava di farsi una nuova vita insieme al figlio, avuto due anni prima insieme alla compagna; ma le autorità tedesche, insieme a quelle spagnole, hanno iniziato una vera e propria caccia all’uomo non appena Riedl su Facebook ha pubblicato una foto che lo ritraeva insieme al figlio sotto alla Tour Eiffel.

La foto, oltre che a essere postata sul social network, era stata inviata anche alla madre del figlio, che aveva immediatamente avvertito le autorità.

Riedl, presumibilmente, dalla Germania era passato in Francia per raggiungere la Spagna, dove è stato scoperto grazie ad un intreccio di informazioni che le autorità spagnole e tedesche si sono scambiate durante la sua fuga.

Il corpo di Lisa era stato smembrato e poi messo dentro a sacchetti per l’immondizia neri; è stata la polizia tedesca a ritrovare i resti della giovane, resti che Riedl non aveva mai eliminato dalla loro abitazione. A insospettire gli investigati è stato il tatuaggio dell’uomo:”Lisa, gracias por todo”, grazie di tutto, con data di nascita e di morte di Lisa: perché conosceva la data del decesso della ragazza?

Il bambino ora è stato affidato alle autorità spagnole, mentre la Volkswagen che l’uomo ha usato per raggiungere la Spagna è stata sequestrata per le indagini. Se colpevole, Dominik Riedel dovrà scontare fino a 15 anni di prigione.


TAG:

PER SAPERNE DI PIU'