Blitz quotidiano
powered by aruba

I rigori più strani di sempre VIDEO

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

I rigori più strani di sempre: guarda il VIDEO. In un montaggio di 43 secondi pubblicato sulla pagina facebook “Million dollar homepage – Lebanon” si vedono dei calci di rigore talmente folli da far sembrare la rincorsa di Simone Zaza o il cucchiaio mimato e mai eseguito da Graziano Pellè degli eventi di ordinaria amministrazione.

C’è un calciatore che scivola, cade a terra, si rialza e segna. C’è quello che si gira e segna di tacco, c’è un altro che segna e poi fa un salto mortale, un’altro ancora che finta di tirare con un piede ma segna tirando con l’altro.

C’è il portiere che para il rigore, si gira verso la curva mimando a gesti “che grande che sono, sono il numero uno”… mentre la palla entra lentamente in porta. E c’è quel portiere che tenta di distrarre il tiratore facendo la ruota sulla linea di porta: fischio dell’arbitro, tiro, gol e… ruota dell’attaccante che prende in giro il portiere.

Insomma i calci di rigore – anche se è difficile dirlo dopo i 18 rigori di Germania-Italia – sono sempre uno spettacolo. Certo spesso non è uno spettacolo gradito ai tifosi della Nazionale, che hanno visto per 6 volte l’Italia venire sconfitta ai rigori nel 1980 (Europeo in Italia, finale terzo e quarto posto con la Cecoslovacchia), 1990 (Mondiali in Italia, semifinale con l’Argentina), 1994 (Mondiali Usa, finale col Brasile), 1998 (Mondiali Francia, quarti di finale con la Francia), 2008 (Europei Austria-Svizzera, quarti di finale con la Spagna) e 2016 (Europei Francia, quarti di finale con la Germania).

Solo tre volte ci è andata bene: agli Europei in Olanda e Belgio del 2000 (semifinale con l’Olanda, dove Toldo parò anche due rigori nei tempi regolamentari), ai Mondiali in Germania del 2006 (in finale con la Francia, campioni del Mondo con 5 rigori realizzati su 5), agli Europei in Polonia e Ucraina del 2012 (quarti di finale con l’Inghilterra).