Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Punta da insetto: dolori atroci, chiede eutanasia

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

LONDRA – Dolori terribili dopo la puntura di un insetto: Kristy Keep, 23 anni, chiede il suicidio assistito. E sua madre, Theresa, chiede aiuto agli utenti di internet per trovare i soldi per cercare una cura in un centro specializzato negli Stati Uniti.

Sofferenza e misteri nella storia di Kristy, giovane e bella ragazza di Maidstone, in Kent (Regno Unito). Quando aveva 12 anni venne punta da un insetto. Da allora ha iniziato a soffrire di strani dolori.

In un primo tempo i medici avevano pensato che avesse il lupus, ma questa tesi è stata scartata da altri specialisti. Negli ultimi tempi i dolori si sono aggravati, tanto che la ragazza è stata ricoverata quattro volte nell’ultimo mese.

Theresa pensava che la figlia potesse soffrire della malattia di Lyme, una malattia batterica che colpisce anche le zecche, che possono trasmetterla all’uomo. Gli ultimi esami su Kristy, però, hanno dato esito negativo.

Nel frattempo la ragazza continua a peggiorare e ha chiesto alla madre di essere portata in una clinica in Svizzera per sottoporsi al suicidio assistito. Ma la madre si oppone: “Kristy peggiora ogni giorno. Non può prendere le medicine perché vomita, è stanca, è debole e vuole morire. Sento come se il tempo stia finendo”.

La donna resta convinta che a causare questa situazione alla figlia sia stata una puntura d’insetto, ma i medici non la pensano così. Adesso Theresa vorrebbe portare la figlia in un centro in Florida, il Sponaugle Wellness Institute, ma ha bisogno di soldi. Per questo motivo ha lanciato un appello agli utenti, pubblicando anche il video di una crisi di dolore della figlia.

Immagine 1 di 3
  • Kristy punta da insetto: dolori atroci, chiede eutanasia 4
Immagine 1 di 3

PER SAPERNE DI PIU'