Blitz quotidiano
powered by aruba

Radio Maria sospende teologo che disse “Terremoto castigo divino”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

ROMA – Alla fine Radio Maria, su pressione dello stesso Vaticano, cede e sospende padre Giovanni Cavalcoli, il teologo secondo il quale il terremoto sarebbe un castigo divino. “Radio Maria ritiene inaccettabile la posizione di padre Giovanni Cavalcoli riguardante il terremoto e lo sospende dalla sua trasmissione mensile”. Lo afferma una nota dell’emittente cattolica. Il frate domenicano, noto per le sue posizioni tradizionaliste, aveva affermato che il terremoto sta punendo il nostro Paese perché sono state approvate le unioni civili tra persone dello stesso sesso.

“Mi pare che la stessa emittente abbia per fortuna preso le distanze da questo giudizio che abbiamo potuto leggere. È un giudizio di un paganesimo senza limiti”. Così monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, in merito alle dichiarazioni andate in onda su Radio Maria.

Il sacerdote aveva detto in radio:

“Dal punto di vista teologico questi disastri sono una conseguenza del peccato originale, sono il castigo del peccato originale, anche se la parola non piace… Arrivo al dunque, castigo divino. Queste offese alla famiglia e alla dignità del matrimonio, le stesse unioni civili. Chiamiamolo castigo divino”.

La redazione dell’emittente cattolica subito dopo aveva preso le distanze precisando che “le espressioni riportate sono di un conduttore esterno, fatte a titolo personale, che non rispecchiano assolutamente il pensiero di Radio Maria al riguardo”.

La frase contestata era stata inizialmente attribuita ad un altro sacerdote, di seguito l’audio: