Blitz quotidiano
powered by aruba

Si ingoia di tutto: spazzolini, cellulari, dentiere…

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

ROMA – Spazzolini, fitness tracker e perfino un cellulare: c’è chi ingoia di tutto. E non si tratta solo di bambini, ma anche di adulti. L’ultimo episodio del genere in ordine di tempo riguarda una ragazza di 13 anni in Corea del Sud che è riuscita a trangugiare, per fortuna senza conseguenze, il proprio fitness tracker, il dispositivo che monitora l’attività fisica. La storia è a lieto fine per tutti, visto che persino il gadget non ha riportato danni.

La ragazza, di 13 anni, ha dichiarato di aver ingoiato accidentalmente il suo Misfit Shine, delle dimensioni di un piccolo orologio da polso, mentre lo teneva in bocca durante una nuotata. Dopo aver atteso 30 ore per vedere se il tracker era in grado di attraversare da solo lo stomaco i medici hanno deciso di intervenire, per evitare che il dispositivo si rompesse esponendo la batteria, la parte più pericolosa. Il dispositivo, si legge nell’articolo, è stato ‘spinto’ con un endoscopio su per lo stomaco, per poi farlo uscire dall’esofago. “Il dispositivo – concludono i medici – è risultato perfettamente funzionante, nonostante l’acidità dello stomaco e le manipolazioni a cui è stato sottoposto”.

Non sempre le operazioni di rimozione sono così semplici. Recentemente un articolo sull’International Journal of Surgery Case Reports ha descritto la vicenda di un detenuto irlandese portato al pronto soccorso dopo aver ingerito un cellulare. In questo caso non è stato possibile estrarlo senza un vero e proprio intervento chirurgico.

In un altro caso, descritto nel 2012 su BMJ Case Reports, un piccolo stuzzicadenti è riuscito a provocare grandi danni, trovando la strada fino al fegato di una paziente. Altri casi hanno riguardato pezzi di dentiere, strumenti dentistici e persino uno spazzolino, ingerito da una ragazza che cercava di utilizzarlo per indurre il vomito, il cui recupero è descritto su Case Reports in Gastroenterology.

I più a rischio di ingestioni pericolose rimangono comunque i bambini, come conferma la bacheca del reparto di Chirurgia Digestiva dell’ospedale Bambino Gesù di Roma, un vero e proprio ‘museo’ delle cose più strane trovate negli anni, dai fischietti alle spille, dalle monete fino alle macchinine, da pezzi di giocattoli alle batterie.

Immagine 1 di 2
  • Ragazzina di 13 anni ingoia per errore fitness tracker VIDE3Ragazzina di 13 anni ingoia per errore fitness tracker VIDE3
  • Ragazzina di 13 anni ingoia per errore fitness tracker VIDEO2
Immagine 1 di 2

TAG:

PER SAPERNE DI PIU'