Blitz quotidiano
powered by aruba

Simone Gambirasio bloccato sul montascale in metro. Lui fa diretta Fb

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

MILANO – E’ rimasto bloccato sul montascale mentre cercava di scendere in metropolitana. Un gesto quotidiano per chi come Simone Gambirasio, manager milanese costretto su una sedia a rotelle, ogni giorno si reca a lavoro tra mille difficoltà. Ma reso ancor più faticoso, per non dire odioso, dalle condizioni di inaccessibilità di molte stazioni italiane. Ecco perché all’ennesima disavventura, Simone ha deciso di denunciare l’accaduto in diretta su Facebook Live. 

Siamo a Milano, Stazione Porta Genova, un punto nevralgico per la rete metropolitana meneghina. Sarebbe più sensato se ci fosse un ascensore ma non c’è e quindi ogni giorno Simone e decine di disabili come lui sono costretti a fare su e giù per le scale col montacarichi che, stando alle voci di sottofondo, si rompe spesso.

Nel video si vedono le gambe di Simone ferme a mezz’aria sulla carrozzella, perché il servoscala ha perso una ruota e non va più né su né giù. Il manager chiama i soccorsi e in pochi minuti lo raggiungono diversi dipendenti Atm che tentano di far ripartire il mezzo, senza successo. Dopo circa un’ora di attesa sono arrivati i vigili del fuoco che assieme ai dipendenti dell’azienda trasporti riescono a trarlo in salvo.

Questa la sua testimonianza su Facebook:

“Mentre scendevo sereno, tornando dall’ufficio, ha fatto un rumore assurdo, poi è partita subito una rotella volando sulle scale e si è incrinato in avanti, bloccandosi. Ho rischiato di precipitare dalle scale con addosso tutto il peso della mia sedia a rotelle. Mi sono spaventato. Per fortuna mi sono fermato in una parte più pianeggiante della scalinata: urlando e chiedendo aiuto dei passanti hanno fatto accorrere degli addetti ATM che a “forza” hanno raddrizzato il montascale. Ma non potevo scendere. Sono rimasto quaranta minuti su una pedana pericolante, in attesa dei vigili del fuoco. Dopo quaranta minuti è arrivato un tecnico, che ha fatto scendere il montascale con una procedura improvvisata e con una ruota in meno. Una volta sceso sono arrivati proprio in quel momento i vigili”.

Gambirasio poi denuncia:

“Atm mi ha anche detto che se l’ascensore non c’è, è perché servono “permessi dal Comune”. Li facciamo arrivare questi permessi? – chiede esasperato – Sono davvero soldi mal spesi quelli per rendere REALMENTE accessibile, e non solo sulla carta, una stazione della metropolitana così importante? Le vere città europee le conosco e non sono così. E ATM dovrebbe anche smetterla di tirar fuori classifiche in cui si premia come servizio di trasporto più accessibile d’Europa. E, continuo a sostenerlo, io come tanti altri disabili, non posso aspettare. Dobbiamo vivere e lavorare subito, non possiamo attendere qualcosa che è già indietro di almeno dieci anni”.