blitztv

YOUTUBE-FOTO Studenti in corteo: a Milano oggetti e vernice contro McDonald’s, Zara e Camera Commercio

ROMA – Cortei degli studenti in tutta Italia, nel giorno della mobilitazione nazionale del mondo della scuola.   collettivi studenteschi hanno deciso di scendere in piazza per ribadire la loro contrarietà alla riforma della Buona Scuola, in particolare all’alternanza Scuola-Lavoro, ma anche alle politiche del governo Gentiloni.

ROMA – A Roma il corteo  partito dalla Piramide Cestia, ha raggiunto il Ministero della Pubblica Istruzione al grido di “Se non cambierà, lotta dura sarà”.

Un cordone delle forze dell’ordine è schierato all’entrata del palazzo. “Una nostra delegazione sarà ricevuta al ministero – spiegano dall’Unione degli Studenti – e illustrerà le ragioni del nostro corteo che si conclude qui”. Al momento, a causa della manifestazione, si registrano forti disagi al traffico su viale Trastevere. “Contro la scuola dei padroni, 10, 100, 1000 occupazioni”, hanno continuato a gridare gli studenti delle scuole superiori romane scesi in piazza per protestare contro la “buona scuola” e “l’alternanza scuola-lavoro”. Lo striscione esposto davanti al Ministero recita: “Generazione ribelle per cambiare la scuola”.

MILANO – Circa 1500 studenti in piazza a Milano. Il percorso si è snodato verso piazzale Cadorna, via Carducci, viale Papiniano, piazza XXIV Maggio, corso Italia, via Meravigli, piazza Cordusio e di nuovo largo Cairoli. “Solo da voi può partire la lotta per fargliela rimangiare questa alternanza scuola-lavoro, che è l’ultimo atto delle politiche europee che trasforma la scuola pubblica in una scuola del mercato che vi toglie possibilità di apprendere e essere critici. Questa scuola dobbiamo combatterla, sia noi lavoratori che voi studenti”, ha detto al Corriere della Sera un’insegnante che marcia con i ragazzi.

Inevitabili le azioni dimostrative che accompagnano questo tipo di manifestazioni: in foro Bonaparte vernice bianca contro la sede Edison, in corso Garibaldi scritte in vernice rossa  “nemici di studenti e lavoratori” sul muro del circolo pd “Aniasi”.

In seguito, alcuni studenti hanno lanciato uova e pomodori contro le vetrine del ristorante Mc Donald’s in piazza Sant’Eustorgio, nella zona dei Navigli: il ministero dell’Istruzione ha siglato nell’ottobre 2016 un accordo con Mc Donald’s per ospitare gli studenti. La nota compagnia di fast food è ritenuta dalle associazioni studentesche più critiche un simbolo degli stage dal basso contenuto formativo che sarebbero proposti agli alunni.

Lanci di uova, verdura e fumogeni anche contro palazzo Turati, sede della Camera di commercio, in via Meravigli. Alcuni incappucciati hanno imbrattato anche con vernice colorata l’ingresso del palazzo. Presi di mira anche un ufficio postale e una filiale della catena di abbigliamento Zara (foto Ansa, video del lancio di oggetti Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev).

To Top