Blitz quotidiano
powered by aruba

VIDEO Donald Trump: “Sei vip? Puoi fare alle donne quello che vuoi”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

WASHINGTON – Se sei un vip puoi fare alle donne tutto quello che vuoi. Inizia così il video che potrebbe affossare la corsa di Donald Trump alla Casa Bianca. Il Washington Post ha pubblicato un video del 2005 in cui il candidato repubblicano alla Casa Bianca accusa le donne di essere attaccate solo alla popolarità e ai soldi: baci, palpeggiamenti e toccatine che “se sei una star si lasciano dare”. Il massimo del riguardo, continua Trump, è quello di “procurarsi una mentina, per poi baciarle”.

Dopo la bufera, Trump si è prontamente scusato sostenendo di aver sbagliato, ma che si trattava solo di “chiacchiere da spogliatoio”, ma ormai il danno è fatto e il partito non sembra pronto a perdonarlo stavolta e si parla delle sue frasi sessiste come “la pietra tombale della sua campagna elettorale”.

L’audio pubblicato dal Washington Post è stato “rubato” nel 2005 tra Trump e il conduttore televisivo Billy Bush mentre i due si trovavano a bordo di un bus per raggiungere il set della soap opera Day of Our Lives, dove il candidato presidenziale fece un breve cameo. Ecco la trascrizione del fuori onda su un video in cui Trump parla di donne, registrato nel 2005 e diffuso da David Fahrenthold della Washington Post.

La registrazione è stata fatta mentre Trump, che all’epoca conduceva un reality in tv, Apprentice,chiaccherava informalmente con Billy Bush, conduttore di un altro programma, a bordo di un autobus. A fare da pubblico per le vanterie di Trump, ci sono Bush e un gruppo di uomini, che ridono al racconto di come Trump sedusse una donna sposata:

“Quando sei una star ti lasciano fare” quello che vuoi.

 Il racconto è un po’ frammentato e confuso, ma le parole sono inequivocabili:

Trump: Le sono saltato addosso, eravamo a Palm Beach, le sono saltato addosso e ho fallito, lo ammetto. Ho provato a scoparla. Era sposata (You know I moved on her actually. You know she was down on Palm Beach. I moved on her and I failed. I’ll admit it. I did try and fuck her. She was married).

“Le sono saltato addosso pesantemente, in effetti l’ho portata in un negozio di mobili. Voleva dei mobili e le ho detto: “Ti porto io dove hanno dei bei mobili”. (I moved on her very heavily, in fact, I took her out furniture shopping. She wanted to get some furniture, I said, ‘I’ll show you where they have some nice furniture.’)

“L’ho portata nel negozio, le sono saltato addosso come una cagna ma non ci sono riuscito, e era sposata. Poi l’ho rivista, adesso ha delle grosse tette finte e tutto. Ha cambiato completamente il suo aspetto. (I took her out furniture. I moved on her like a bitch, but I couldn’t get there, and she was married. Then all of a sudden I see her, she’s now got the big phony tits and everything. She’s totally changed her look).

A quanto pare la donna in questione lavora per il programma e Trump si vuol preparare a incontrarla:

“Meglio se mastico qualche Tic Tac nel caso cominci a baciarla. Sai, sono attratto automaticamente dalle belle donne, comincio a baciarle, è come un magnete. Solo baci, non posso aspettare. E quando sei una stella ti lasciano farlo. Puoi fare quello che vuoi”. (I better use some Tic Tacs just in case I start kissing her. You know I’m automatically attracted to beautiful—I just start kissing them. It’s like a magnet. Just kiss. I don’t even wait. And when you’re a star, they let you do it. You can do anything.)

Bush: Qualunque cosa.

Trump: “Prenderle per la… Puoi fare qualunque cosa”. (Grab them by the pussy. You can do anything).

I vertici del partito repubblicano si sono dissociati dalle sue parole e si sono detti “disgustati” e sembra che siano già pronti a chiedere il cambio di candidato: potrebbe toccare a Mike Pence prendere il suo posto alle elezioni presidenziali del prossimo 8 novembre. Intanto Donald Trump si è scusato, sostenendo di aver sbagliato e ha pubblicato sui social media un video di pubbliche scuse ai suoi potenziali elettori:

“Erano chiacchiere da spogliatoio. Bill Clinton mi ha detto cose molto peggiori giocando a golf. Comunque mi scuso se qualcuno si è offeso. Ho sbagliato e mi scuso. Le mie frasi di più di 10 anni fa non riflettono l’uomo che sono adesso. Ho detto e fatto cose di cui mi rammarico, e le parole che si trovano in questo video di oltre 10 anni fa sono alcune di esse”.

Per vedere il video integrale del Washington Post su Donald Trump clicca qui.

Il video delle scuse pubblicato su YouTube da Donald Trump dopo lo scandalo.


PER SAPERNE DI PIU'