Blitz quotidiano
powered by aruba

VIDEO YOUTUBE Vulcano Aso erutta in Giappone: boato e cenere dopo 36 anni

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

TOKYO – Un forte boato, poi il cielo si riempie di cenere e una colonna di fumo si alza fino a 11 chilometri sopra al monte Aso, il vulcano più attivo del Giappone. Il vulcano ha iniziato a eruttare dalle prime ore del mattino dell’8 ottobre, risvegliandosi così 36 anni dopo la sua ultima eruzione.  La montagna si trova nell’isola del Kyushu, a sud ovest del Giappone.

L’eruzione esplosiva si è verificata nelle prime ore del mattino di sabato 8 ottobre, in base a quanto rilevato dall’Agenzia meteorologica giapponese, che ha deciso di alzare il livello di allarme fino a 3 nella scala di 5, vietando l’ingresso alla montagna a causa del pericolo della precipitazione di lapilli incandescenti e di macigni.

Secondo le telecamere di sicurezza poste sul luogo, l’eruzione ha causato l’espulsione di rocce fino a 1 chilometro dal cratere principale. Le autorità locali hanno avvertito che prima dell’esplosione, nella serata di venerdì, si era verificata anche una leggera eruzione e che un fenomeno analogo potrebbe ripetersi, con il rischio di emissione di gas e del rilascio di cenere vulcanica.

Alcuni servizi ferroviari della Kyushu Railway intorno alla montagna sono stati interrotti, e circa 29.000 abitazioni nella città di Aso e all’interno di altre 3 municipalità hanno subito l’interruzione dell’elettricità. E’ ancora da stabilire, secondo i sismologi, se l’eruzione sia collegata alle forti scosse di terremoto che hanno colpito le prefetture adiacenti di Kumamoto e Oita a metà aprile, causando 49 morti.

Immagine 1 di 5
  • VIDEO YOUTUBE Vulcano Aso erutta in Giappone: boato e cenere dopo 36 anni
Immagine 1 di 5


PER SAPERNE DI PIU'