Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Adele a Verona sgrida la fan: “Smetti di filmare”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

VERONA – Un ingresso da autentica star, in mezzo al pubblico in platea sulle note di “Hello”, suo ultimo grande successo, in una selva di scatti dei cellulari, con gli spettatori arrampicati sulle poltroncine per immortalare il passaggio della regina del pop. Il concerto di Adele all’Arena Verona è stato, come era prevedibile, un successo straordinario. Se non fosse per un piccolo intoppo dovuto proprio alla smania dei fan di immortalare il momento.

Al punto che nel bel mezzo dello show la cantante si è proprio arrabbiata: ha fermato la musica e ha sgridato una spettatrice: “Smettila di riprendermi!”. E in effetti la fan ha esagerato: non stava registrando un video souvenir col telefonino ma l’intero concerto con tanto di telecamera professionale poggiata sul treppiede.

“Voglio dire a quella signora – le ha detto Adele –  puoi smettere di riprendermi con una videocamera, perché sono davvero qui nella vita reale. Puoi mettere giù il treppiede? Questo non è un DVD, questo è un vero e proprio show. Mi piacerebbe molto che tu potessi gustarti il mio spettacolo, perché c’è un sacco di gente fuori che non è potuta entrare”.

A parte questo episodio, però, lo spettacolo è stato grandioso. Quello di Verona è stato il primo dei due soli concerti italiani del tour legato all’album “25”, nel più grande teatro all’aperto del mondo. Un tempio della lirica sempre più prestato alla musica pop, a suon di sold out.

Quindicimila spettatori sono accorsi per Adele. La cantante britannica, carica di successi di vendite e di riconoscimenti, si è rivelata una spassosa intrattenitrice. Ha scherzato con gli spettatori; ha chiamato sul palco due emozionatissime giovani fan per un selfie: Lucy e Adriana, che Adele ha atteso mentre armeggiavano con il telefonino, accompagnando con un paio di shit la gag. Ha sghignazzato, fatto battute, e prima di attaccare “Sky Fall” (che le è valso l’Oscar) ha chiesto quanti appassionati di James Bond ci fossero, scatenando un’ovazione. Ai napoletani ha parlato della pizza. E si è rivolta anche al pubblico rimasto fuori, in centinaia, che hanno seguito il concerto sdraiati sul vallo dell’anfiteatro e sulle scalinate del municipio di Verona.


PER SAPERNE DI PIU'