Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Base nazista nel Mar Artico: bunker costruito prima della Campagna di Russia

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

BERLINO – Riportata alla luce nella regione artica, una base segreta nazista, all’epoca abbandonata dopo che gli scienziati mangiarono carne infetta di orso polare. Il bunker segreto, “Schatzgraber” o “Treasure Hunter” (Cacciatore di tesoro) così chiamato dai sottoposti di Hitler, fu costruito nel 1942, un anno dopo che il Terzo Reich invase la Russia.

I ricercatori russi hanno ora riscoperto la base militare, l’ex presidio fu evacuato dopo aver mangiato carne cruda infetta di orso polare. La base potrebbe essere stata parte di una missione per ritrovare antichi manufatti.

Nel sito dell’ex rifugio nazista, situato sulla Terra di Alessandra, un’isola a circa 1.000 km dal Polo Nord, gli scienziati russi hanno recuperato più di 500 oggetti. Un paesaggio lunare in cui si vedono cimeli della seconda guerra mondiale, conchiglie e altri frammenti del conflitto depositati sul terreno argilloso. Nelle rovine del bunker, sono stati scoperti documenti, taniche di benzina ben conservati grazie alle basse temperature.

La Terra di Alessandra è un’isola russa che fa parte dell’arcipelago della Terra di Francesco Giuseppe, nell’Oceano Artico, ed è l’isola più occidentale dell’arcipelago. Il nome è in onore della principessa Alessandra di Danimarca mentre altre fonti affermano che fu dedicata alla granduchessa russa Aleksandra Pavlovna Romanova.

Tra il 1930 e il 1990 la stazione meteorologica nazista è stata l’unica presenza fissa dell’isola. Nel corso della Seconda Guerra Mondiale, il posto è diventato strategicamente importante poiché, grazie alle previsioni del tempo che forniva, era d’aiuto alle operazioni militari e di trasporto nel lontano nord.

Le forze alleate avevano occupato al polo, altri siti per le previsioni del tempo, così i nazisti sistemarono un piccolo gruppo di osservatori nella Terra di Alessandra.

Nel 1944, gli uomini della base mangiarono carne cruda di orso polare, che provocò loro una parassitosi, a causa dei nematodi, vermi che infettavano la carne. I sommergibili tedeschi recuperarono gli scienziato solo dopo che l’infezione era ormai diventata devastante.

L’isola ebbe rilevanza strategica durante la guerra fredda, quando gli americani e i russi si contendevano il controllo della regione artica ed era ormai evidente la ricchezza di minerali della zona. L’isola si trova nel territorio della Federazione Russa e il Paese sta progettando di costruire sul sito una propria base militare permanente.


PER SAPERNE DI PIU'