blitztv

YOUTUBE Bimbo nato sordo sente per la prima volta la voce della mamma

YOUTUBE Bimbo nato sordo sente per la prima volta la voce della mamma

DENVER – Il piccolo Matthew Swetnam, nato prematuro e sordo, sente per la prima volta la voce della sua mamma grazie a degli impianti cocleari. E la sua reazione è dolcissima.

In questo video, ripreso dal padre del bimbo e pubblicato proprio dai genitori del piccolo su YouTube, si vede il momento in cui una dottoressa dell’Ospedale universitario del Colorado gli mette l’impianto. Poi la donna inizia a parlare e il bimbo sgrana gli occhi stupito. Quindi anche la madre parla, e il piccolo scoppia a piangere. E lei, Erin Swetnam, la butta sul ridere: “Non è molto piacevole la voce della mamma..?”.

Il piccolo Matthew Swetnam oggi ha quattro mesi, ma è nato prematuro di soli sette mesi: non pesava nemmeno un chilo. Affetto da citomegalovirus, soffre di epatite, cisti al cervello e sordità.

Grazie all’apparecchio acustico messo a punto in Colorado, il piccolo è tornato a sentire. Ma la sua mamma, Erin, pubblicando il video ha voluto anche sensibilizzare tutti i genitori (e futuri genitori) sui rischi del citomegalovirus. “Se siete incinte o state programmando una gravidanza, fate il test per vedere se siete positivi”.

Il citomegalovirus è un virus della famiglia degli Herpesvirus molto comune e può infettare chiunque. Una volta contratta l’infezione, il virus rimane latente all’interno dell’organismo per tutta la vita, ma può riattivarsi in caso di indebolimento del sistema immunitario.

Le infezioni sono per lo più asintomatiche, perché un buon sistema immunitario è in grado di tenerle sotto controllo, ma nelle persone immunodepresse possono causare gravi complicanze, in particolare a occhi, fegato, sistema gastrointestinale e sistema nervoso.

L’aspetto più importante legato al Cmv, dal punto di vista medico, è rappresentato dalle infezioni congenite. Un’infezione contratta durante la gravidanza e trasmessa al feto può infatti arrecare al bambino danni permanenti anche gravi.

To Top