Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Cavalcavia Lecco, momento esatto del crollo. Tir troppo pesante?

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

LECCO – Colpa della Provincia di Lecco, dell’Anas oppure…del tir? Dopo il crollo del cavalcavia vicino Lecco, le istituzioni si sono rimpallate responsabilità e competenze. Ma ora spunta un’altra ipotesi: il tir pesava più del peso che il cavalcavia poteva sostenere? Secondo l’Anas pesava circa 108 tonnellate. Rimane però un punto: chi avrebbe dovuto vigilare sul transito del mezzo?

“Non è stato ancora rimosso l’autoarticolato che, probabilmente a causa del suo peso eccessivo, ha provocato il crollo. Dalle prime ricostruzioni dei fatti, il mezzo pesante aveva una portata di circa 108 tonnellate, superiore a quella ordinaria, e non era stato autorizzato da Anas, che peraltro non ha in gestione la viabilità sulla strada provinciale SP49 dove era posto il cavalcavia”. Lo afferma l’Anas, un cui cantoniere, sul posto, ha anche ripreso l’esatto istante del terribile cedimento.

“Anas ha incaricato il professor Carmelo Gentile, docente di Tecnica delle Costruzioni del Politecnico di Milano, che già questa mattina ha effettuato i primi accertamenti tecnici sull’opera crollata, un cavalcavia realizzato tra gli anni Sessanta e Settanta dalla Provincia di Como”. Lo ha comunicato l’ente di gestione delle strade. “Come già comunicato nella serata di ieri, il cantoniere Anas addetto alla sorveglianza del tratto della strada statale SS36 al km 41,900, già attorno alle ore 14.00, avendo constatato il distacco di alcuni calcinacci dal manufatto, ha disposto immediatamente la loro rimozione e la parzializzazione della SS36 in corrispondenza del cavalcavia. Subito dopo il cantoniere, in presenza della Polizia Stradale, ha contattato gli addetti alla mobilità della Provincia di Lecco, responsabile della viabilità sul cavalcavia, e li ha ripetutamente sollecitati alla immediata chiusura della strada provinciale SP49 nel tratto comprendente il cavalcavia, perché poteva esserci un pericolo. Gli addetti della Provincia hanno richiesto un’ordinanza formale da parte di Anas che implicava l’ispezione visiva e diretta da parte del capocentro Anas, il quale si è attivato subito, ma attorno alle 17, proprio mentre giungeva sul posto il cavalcavia è crollato, a causa del passaggio di un trasporto eccezionale di peso ingente”.

Intanto il ministro dei trasporti, Graziano Delrio, ha istituito questa mattina con proprio decreto la commissione d’inchiesta del Ministero sul cedimento del cavalcavia n.17 della strada provinciale SP49 sulla strada statale SS36 al Km 41.900 accaduto il 28 ottobre. Lo si legge in una nota del ministero. La commissione ispettiva – aggiunge la nota – è costituita da figure di comprovata esperienza, capacità e professionalità che dovranno fornire uno scrupoloso accertamento dell’accaduto e una dettagliata ricostruzione dei fatti entro 30 giorni.

Immagine 1 di 15
  • Lecco, crollo cavalcavia. Di chi è la colpa? Anas accusa Provincia che rimpalla...Lecco, crollo cavalcavia. Di chi è la colpa? Anas accusa Provincia che rimpalla... (foto Ansa)
  • Cavalcavia crollato a Lecco: miracolato esce da auto e rientra per prendere il telefono (foto da video YouReporter)
  • Milano-Lecco, crolla cavalcavia, cantoniere Tindaro Sauta: "Leggerezza della Provincia" (Foto Ansa)
Immagine 1 di 15


PER SAPERNE DI PIU'