blitztv

YOUTUBE “Chiamo Dio con il cellulare”: bizzarra predica di un pastore africano

YOUTUBE "Chiamo Dio con il cellulare": bizzarra predica di un pastore africano

Il pastore Paul Sanyangore durante una predica

HARARE – “Possiamo chiamare Dio con il cellulare“. Ne è convinto Paul Sanyangore, pastore della Victory World International Ministries Church, organizzazione religiosa che lui stesso ha fondato in Zimbabwe. L’uomo ritiene di essere in linea diretta con il paradiso, così come lo sarebbero tutti gli altri fedeli. “Tutti possono telefonare al Signore“, spiega a France 24.

Un video diffuso in rete mostra Sanyangore durante una sua predica. Il pastore parla al cellulare come se si stesse realmente rivolgendo a Dio, gli fa anche delle domande. Le risposte, a detta sua, non tardano ad arrivare. Poi comunica con una donna inginocchiata. “Cosa devo chiederle? Che altro vuoi sapere Dio padre?”, dice il religioso, facendosi sentire dalla folla che lo ascolta con attenzione.

Nigel Mugamu, giornalista del sito 263Chat, spiega che quello di Sanyangore non è un caso isolato in Zimbabwe:

La gente soffre, i pastori arrivano a riempire un vuoto – afferma Nigel –  Danno alla gente la speranza. Molte persone bisognose pensano che Dio possa dare loro ciò di cui hanno bisogno. Questi pastori appaiono e sostengono di essere più vicini a Dio di chiunque altro e in grado di compiere miracoli: ti portano in mezzo alla folla, prendono il telefono e parlano con Dio. Le persone sono alla ricerca di speranza e quei profeti sono in grado di darla. Credono veramente che il pastore abbia preso il telefono e parlato con Dio. E’ così folle come sembra. Le persone sono credulone. Ci cascano. Io credo in Dio, sono un cristiano, la mia famiglia è metodista e ho un problema con i “profeti” che mentono e che prendono soldi dalla gente comune. Tutti questi presunti profeti guadagnano molto denaro. Hanno bei costumi, piscine e grandi giardini. Come ottengono tutto questo? Facile: se si vuole parlare con loro, devi pagare la chiesa (…)”.

To Top