Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Colin Kaepernick, campione football non si alza ad inno: “Usa opprimono neri”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

WASHINGTON – Resta seduto durante l’inno nazionale: bufera su Colin Kaepernick, quarterback dei San Francisco 49ers, una delle principali squadre di football americano.

Il giocatore si è rifiutato di alzarsi durante l’esecuzione dell’inno nazionale prima della sfida casalinga di preseason contro i Green Bay Packers. Un segno di protesta contro l’oppressione degli afroamericani negli Stati Uniti, come ha spiegato lui stesso. “Non manifesto orgoglio per un Paese che opprime i neri e le persone di colore”, ha detto lo sportivo spiegando il motivo del suo gesto durante l’amichevole.

“Per me questo è più grande del football e sarebbe egoista da parte mia fare finta di nulla. Ci sono corpi che giacciono per strada e gente con le ferie pagate che la passa liscia”, ha continuato Kaepernick che he manifestato sostegno per il movimento ‘Black Lives Matter’.

Kaepernick è stato ripreso seduto tra tutti gli altri giocatori in piedi, e quell’immagine ha fatto divampare la polemica. Ma la sua squadra ha fatto quadrato intorno a lui. In una nota ha difeso il gesto del quarterback, sottolineando che

“l’inno nazionale è e sempre sarà una parte speciale della cerimonia prepartita. E’ un’opportunità per onorare il nostro Paese e riflettere sulle grandi libertà di cui godiamo come cittadini. Nel rispetto dei principi americani, come la libertà di religione e di espressione, riconosciamo il diritto di un individuo di scegliere di partecipare o meno alla nostra celebrazione dell’inno nazionale”.

 

 

Initialize ads


TAG: , ,

PER SAPERNE DI PIU'