Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Ferrari Enzo sgomma nel fango: VIDEO da 26 mln di clic

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

ROMA – La Ferrari Enzo sgomma in mezzo al fango: il video pubblicato su YouTube da TaxTheRich100, raccoglie in tre anni e mezzo 26 milioni di clic.

Il filmato, sul web è diventato un cult. Scrive Wikipedia che

“La Ferrari Enzo venne prodotta dalla Ferrari in occasione dei 55 anni di attività della casa di Maranello tra il 2002 e il 2004. I primi test sulla meccanica della vettura vennero eseguiti sfruttando un prototipo che riproduceva le fattezze della Ferrari 348, fatta eccezione per il passo più lungo. 

Venne poi presentata ufficialmente al Salone dell’automobile di Parigi nell’ottobre del 2002. Nata sulla base dell’esperienza in Formula 1, laEnzo è una delle auto più ammirate e ricercate dagli appassionati e dagli acquirenti del marchio. Esteticamente è caratterizzata da un linguaggio stilistico estremamente tecnico e privo di velleità. Stava per essere chiamata F60 ma di seguito il nome della vettura venne dedicato al fondatore dell’azienda Enzo Ferrari.

La produzione inizialmente prevista e programmata per la Ferrari Enzo era stata limitata a 349 esemplari. Il modello però ebbe un tale successo che per la prima volta, e secondo alcuni anche con una caduta di stile, la Ferrari aumentò il numero originariamente deciso portandolo a 399. A questo proposito Luca Cordero di Montezemolo disse: “Anche se sono molto attento ai numeri e all’esclusività, ho dovuto prendere atto del fatto che avremmo scontentato troppi collezionisti non aumentando la produzione della Enzo Ferrari”. La produzione di questa vettura è durata dal 2002 al 2004.

Un ulteriore esemplare è stato costruito per essere donato nel 2005 dalla Ferrari a papa Giovanni Paolo II, che la mise all’asta per poi devolvere in beneficenza l’intera somma ricavata. Questo particolare modello viene battuto ad un’asta a Monterey nel 2015 per la considerevole cifra di $ 6.050.000.

Acquistare una Ferrari Enzo non era così semplice: per averla era la Ferrari stessa a contattare la clientela, selezionandola tra alcuni V.I.P. e persone che già possedevano o avevano posseduto un totale di cinque modelli Ferrari. I clienti erano quindi chiamati a Maranello per personalizzare e rendere unico il proprio esemplare in una apposita linea di produzione dedicata alla Enzo”.


PER SAPERNE DI PIU'