Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE-FOTO “Uomo-capra” resta un anno sulle Alpi svizzere

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

LONDRA – Thomas Thwaites ha abbandonato Londra per diventare una capra. Il 35enne si è trasferito in Svizzera ed ha vissuto un anno con delle protesi alle gambe che gli permettessero di muoversi come una capra. Poi si è messo a vagare per le Alpi con le sue quattro zampe e con uno stomaco artificiale con cui “mangiava l’erba”. Tutto questo è servito per fondersi con delle capre e per vivere con loro per tutto questo tempo.

Thwaiters racconta al Daily Mail di aver sofferto la pendenza delle montagne percorse con le sue gambe artificiali, e di aver dovuto mangiare l’erba per finta: “Alle capre non sembravo molto simpatico, a volte ho pensato che stessero per attaccarmi. Poi mi sono reso conto che stavano formando una gerarchia e che dovevo solo restare al mio posto. Il momento più bello è stato quando una delle capre ha deciso improvvisamente di diventare mia amica ed ha cominciato a seguirmi dappertutto”.

L’animale si avvicinava continuamente alla sua faccia col proprio muso.Thomas si è fatto spiegare questo comportamento dell’allevatore del gregge di capre con cui aveva deciso di vivere. In questo modo, mandria lo aveva accettato come uno di loro.  Per l’uomo-capra, quel momento è stato una “grande sensazione”.

Thwaites ha aggiunto: “Molta gente mi ha dato del folle. Ero stufo della mia vita ed avevo bisogno di una pausa. Ero senza lavoro e avevo un sacco di problemi personali. In questo modo ho trovato una via di fuga dalla vita quotidiana così stressante”.

Al Dail Mail, il 35enne ha spiegato ancora: “Un giorno stavo camminando con il cane di un amico e ho notato quanto fosse felice della vita senza preoccupazioni. E così ho pensato tra me e me che sarebbe stato davvero bello essere come lui per un giorno.”

La prima idea che gli è venuta in mente era quella di essere un elefante. L’idea l’ha scartata per il fatto che anche questo tipo di animale a volte è triste, si arrabbia ed ha anche problemi di stress post-traumatico. “Era esattamente il genere di cose da cui stavo cercando di allontanarmi” ha aggiunto il ragazzo, che alla fine ha deciso di diventare una capra.

Dopo aver fatto domanda per una borsa di studio per studiare la psicologia di questi animali (domanda rifiutata) ha rintracciato un allevatore che viveva nel villaggio di Wolfenschiessen in Svizzera. L’allevatore era disposto a tollerare la sua presenza mentre queste venivano portate al pascolo estivo.

Thwaites si è fatto montare le protesi simili alle zampe di capra in una clinica a Manchester che aiuta le persone che hanno subito amputazioni. Lo stomaco di capra falso è stato invece creato da alcuni esperti dell’Università di Aberystwyth. Lo stomaco era legato sulla vita e permetteva di sputare in segreto l’erba masticata senza che le capre se ne accorgessero.

Alla fine dell’esperienza, Thwaites ha dichiarato di aver vissuto una situazione molto dura ed ha scritto un libro intitolato: “L’uomo capra: come ho preso una vacanza dall’essere un umano”. Dell’avventura ha aggiunto in conclusione: “Ho capito che bisogna lottare per sopravvivere. Le capre sono migliori di noi. Bisogna vivere in modo rilassato”.

Immagine 1 di 10
  • Vive un anno con le capre sulle Alpi svizzere
Immagine 1 di 10

 


PER SAPERNE DI PIU'