blitztv

YOUTUBE Gianluca Lapadula suona Chopin al piano alla Domenica Sportiva

YOUTUBE Gianluca Lapadula suona Chopin al piano alla Domenica Sportiva

Gianluca Lapadula suona Chopin al piano alla Domenica Sportiva

MILANO – Gianluca Lapadula oltre che bomber è anche un musicista. L’attaccante del Milan si è esibito al pianoforte alla Domenica Sportiva, dove ha suonato un brano di Chopin. Per il rossonero è scattato l’applauso e la standing ovation al termine dell’esibizione. “Sono un po’ emozionato perché non ho mai suonato davanti a tante persone”, ha detto Lapadula prima di lasciare gli studi di Milano della trasmissione della Rai.

Un ringraziamento a Dio, come spesso fa da religioso fervente, e un altro a Lapadula, che gli ha servito l’assist decisivo. Carlos Bacca ha finalmente ritrovato gol e sorriso nell’undicesima partita vinta dal Milan in questo campionato, archiviando un lungo digiuno e voci di mercato. “Io sono contento di stare qua. Sono in una grande squadra, sono felice”, ha spiegato il colombiano dopo aver steso il Cagliari nel finale.

San raffaele

“Le partite vinte alla fine danno più soddisfazione” gongola Adriano Galliani, alle prese con un mercato paralizzato dalla cessione del club (“Il ‘condor’ è andato in pensione…”, ha sorriso amaro) ma entusiasta per la classifica che vede il Milan viaggiare a una “media da Champions League: abbiamo 36 punti dopo 18 partite, c’è poco da dire”. Il terzo posto è virtualmente a portata di mano, ma Vincenzo Montella non si sbilancia. “Non voglio andare molto in là. All’inizio dell’anno avevamo tre obiettivi: uno l’abbiamo conquistato, la Supercoppa italiana, giovedì inizia la coppa Italia, e poi dobbiamo tornare in Europa”.

La missione sarà meno complessa con un Bacca ritrovato e magari con qualche rinforzo. Galliani ha chiarito che l’unico obiettivo è un attaccante esterno, che si attende la risposta dell’Everton per Deulofeu, mentre Keita è proibitivo (“Ho chiesto a Lotito se me lo regala e mi ha risposto con imprecazioni in romanesco”). “Siamo attenti rispetto alle nostre possibilità. Questo gruppo merita grande rispetto, attenzione e fiducia per quanto ha fatto finora – il commento di Montella -. Tutte le squadre sono migliorabili ma talvolta si rischia di peggiorarle”.

Il Cagliari torna a casa con l’amaro in bocca, anche per un fallo su Isla reclamato invano da Massimo Rastelli nell’azione che ha portato al gol di Bacca. “Mi sono arrabbiato perché potevamo uscirne indenni – ha notato l’allenatore dei sardi -. Il girone d’andata si è chiuso in modo positivo, non dimentichiamo che siamo una neopromossa. Le sconfitte pesanti hanno condizionato il giudizio generale. Ma vorrei porre l’accento sui 23 punti, le sette vittorie e i 28 gol fatti. Siamo soddisfatti e vogliamo fare un girone di ritorno in linea con quello d’andata”.

To Top