blitztv

YOUTUBE Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti

  • Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti
  • Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti 3
  • Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti 2
  • Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti
  • Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti
  • Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti 3
  • Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti 2
  • Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti
Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti

Hawaii, centinaia di tonnellate di lava in mare davanti ai turisti

KAMOKUNA – Kamokuna è uno dei vulcani ancora attivi che si trovano sulle isole delle Hawaii. Lo scorso 10 gennaio, centinaia di tonnellate di lava fusa sono finite in mare da una bocca del vulcano che ha eruttato.

Una parte consistente del Kamokuna, lo scorso 31 dicembre è crollato in mare. Quanto accaduto non ha però fermato i turisti che hanno catturato con i loro telefonini il flusso inarrestabile di lava in mare (clicca qui per il video YouTube).

Il capitano del tour operator Lava Ocean Tours Shane Turpin, al Daily Mail ha raccontato che gli ospiti sono rimasti a bocca aperta davanti a questo fenomeno visibile una volta sola nella vita: “La barca si è mossa piano piano fino a raggiungere il punto più vicino. La gente ha visto il flusso di lava che, dopo essere finito in mare creava un vapore fortissimo”.

Kamokuna si trova all’interno del Parco Nazionale dei Vulcani delle Hawaii ed è una delle località turistiche più rinomate al mondo per i vulcani. Le isole sono state formate dalla lava raffreddata. Un portavoce del servizio delle Hawaii Volcanoes National Parks ha detto che il magma che entra nel mare è pericolosa perché potrebbe far collassare ulteriormente la rocca circostante producendo inoltre un pennacchio altamente corrosivo di acido cloridrico e particelle vulcaniche che irritano polmoni, pelle e occhi. “I visitatori sono invitati a rimanere fuori delle aree chiuse” ha concluso l’addetto,  probabilmente in polemica con il tour operator che ha permesso ai turisti di vedere questo spettacolo che, come detto, capita una volta sola nella vita.

To Top