Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Ippopotami killer in Senegal: inseguono pescatori…

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

DAKAR – Ogni giorno, quando Ali Autumn torna a lavorare, lui sa che la morte è dietro l’angolo. Il 25enne non è un soldato o un ufficiale di polizia che combatte la criminalità urbana, ma un semplice pescatore – uno che passa le sue giornate gettando delle reti nelle acque del fiume Gambia in Senegal orientale.

Potrebbe essere una vita placida, se non fosse per una creatura aggressiva in agguato al bordo dell’acqua. Questo animale, spiega Afp, è la ragione della caduta che l’ha condotto la sua intervista da un letto d’ospedale, dove è stato avvolto in bende insanguinate.

“Sono venuto con un altro pescatore a raccogliere le reti che avevo lasciato quando l’ippopotamo ha capovolto la nostra barca”, ha detto ad AFP.

“E ‘la seconda volta che sono stato attaccato, dopo il loro primo tentativo nel 2014″, ha aggiunto. “Ho sfiorato la morte due volte.”

Negli ultimi dieci anni, gli ippopotami – il mammifero più pericoloso in Africa, secondo il National Geographic  – hanno sbranato 25 pescatori a morte e ne hanno feriti molti altri, come dicono gli anziani di Gouloumbou.

“Hippopotamus” in greco significa “cavallo di fiume”. A differenza dei cavalli, il cui istinto è quello di fuggire dal pericolo, gli ippopotami sono imprevedibili, territoriali e spesso tempestosi, e questo li rende temibili creature nonostante il loro aspetto quasi da cartone animato.

Nonostante il loro aspetto, sono sorprendentemente veloci, soprattutto in acqua, dove diventano nuotatori aggraziati. Un video virale su YouTube mostra un ippopotamo che insegue i turisti su un motoscafo. Gli erbivori massicci sono anche sorprendentemente veloci sulla terra.

“Baccelli Hippo sono guidati da maschi dominanti, che possono pesare 6.000 libbre o più”, secondo l’articolo della rivista Smithsonian del 2006 “. Le femmine e la maggior parte degli altri maschi pesano tra i 3.500 e 4.500 sterline, e tutti vivono circa 40 anni.


PER SAPERNE DI PIU'