blitztv

YOUTUBE La più grande grotta di cristalli al mondo è infestata da un fantasma

La più grande grotta di cristalli al mondo è infestata da un fantasma

La più grande grotta di cristalli al mondo è infestata da un fantasma

PERM – L’Orda Cane è la più grande grotta di cristalli al mondo. Al suo interno, racconta la leggenda, vive un fantasma che tormenta i sub che ne fanno accesso. Si trova in Russia nella regione degli Urali ed è lunga circa 4 chilometri. Si tratta di una meraviglia della natura rimasta sconosciuta e inesplorata per secoli che ora è stata svelata grazie ad un gruppo di speleosub russi che hanno realizzato un reportage in cui svelano per la prima volta le profondità di questo luogo. Prima di partire per questo lungo viaggio, i sub si sono dovuti preparare per molto tempo per affrontare i rischi di trovarsi in un luogo suggestivo ma allo stesso tempo chiuso. Del fantasma però, nessuna traccia. 

Il gruppo di sub è stato in questo luogo diverse volte per circa sei mesi. Il gruppo ha esplorato la caverna, dove la temperatura dell’acqua è prossima allo zero ma talmente cristallina da garantire una visibilità di oltre cinquanta metriL’Orda Cave si trova a 100 chilometri della città di Perm, negli Urali: la prima esplorazione ebbe inizio nel 1992.

2x1000 PD

Le missioni si sono susseguite negli anni e oggi hanno portato ad un’esplorazione quasi completa dei tunnel sotterranei, portando alla scoperta di oltre 4 chilometri di canali sommersi in un sistema di grotte che supera i cinque chilometri. Come racconta La Stampa, visto il fascino del luogo, non poteva mancare la leggenda:

“Si narra infatti che la grotta sia infestata da un fantasma con vesti fluenti e lunghi capelli che tormenta i sub che ne fanno accesso. A rendere reale questa suggestione è stata nel 2013 l’ex campionessa di apnea Natalia Avseenko, che ha trascorso due giorni nelle acque ghiacciate della Russia con un gruppo di speleosub e il fotografo Viktor Lyagushkin come modella per un suggestivo servizio fotografico”.

La performance della Avssenko è finita anche su YouTube. 

To Top