blitztv

YOUTUBE Lottatore fa la mossa di Matrix durante l’incontro

Lottatore fa la mossa di Matrix durante l'incontro

ROMA – Il lottatore Rafael “Ataman” Fiziev deve avere Matrix tra i suoi film preferiti. Il lottatore evita il calcio dell’avversario proprio grazie ad una mossa simile a Neo, il protagonista del noto film. Come mostra il video YouTube, è successo durante un incontro di MMA in Thailandia (la mossa di Neo nel secondo video qui di seguito).

La trama di Matrix scritta su Wikipedia 

“Thomas A. Anderson è impiegato alla MetaCortex, un’azienda di software, ed è noto per essere un uomo altruista e rispettoso della legge. In realtà Anderson ha una seconda vita: usando le sue abilità di programmatore fuori lavoro, ha venduto software illegali a hacker e ad altri criminali. Durante queste attività segrete è conosciuto con il nome di Neo. Thomas A. Anderson viene chiamato sempre con il nomignolo da hacker dal punto in cui viene liberato dal mondo fasullo di Matrix da Morpheus, tranne dall’Agente Smith il quale lo chiama “Signor Anderson””.

“In seguito alla sua morte virtuale, e al suo risveglio nel vero mondo, viene a conoscenza di essere l’Eletto, colui che salverà il genere umano dalla schiavitù delle macchine. È legato sentimentalmente a Trinity, anche lei dell’equipaggio della Nabucodonosor, l’hovercraft di Morpheus. Il suo acerrimo nemico è l’Agente Smith, insieme a tutti coloro che ostacolano la liberazione della specie umana. Neo sembra morire, distruggendo Smith assieme a lui, nel finale di Matrix Revolutions, dopo aver trovato un compromesso per concedere una tregua alla guerra fra uomini e macchine, anche se le parole finali dell’Oracolo, dopo aver incontrato l’Architetto, fanno pensare che possa essere sopravvissuto e un giorno ritornerà. All’interno di Matrix Neo è in possesso di forza, agilità a velocità sovrumane, abbastanza da permettergli di eliminare facilmente più Agenti contemporaneamente”.

“Neo ha sempre avuto capacità particolari che lo distinguevano dagli altri soldati di Morpheus. Anche prima di diventare l’Eletto ha mostrato questa particolarità: era quasi capace di schivare pallottole, riusciva a tenere testa ad un Agente del calibro di Smith e fu il primo allievo che batté il capitano Morpheus durante l’addestramento. Durante la conclusione del primo Matrix e per tutti i sequel, Neo acquisisce poteri come volare, vedere il codice di Matrix direttamente dal mondo virtuale, capacità fisiche ancora maggiori che gli permettono di superare qualunque avversario, compresi gli Agenti di seconda generazione, e manipolare parzialmente la realtà virtuale (potere usato per resuscitare Trinity). Neo possiede inoltre capacità telecinetiche quasi illimitate con cui è in grado di fermare pallottole a mezz’aria e far levitare gli oggetti”.

“Ha dimostrato anche di essere quasi invulnerabile: è riuscito a bloccare il fendente di una spada con una mano, subendo soltanto un piccolo taglietto. Alla fine di Matrix Reloaded dimostra di poter usare alcune capacità dell’eletto anche al di fuori di Matrix. L’Oracolo conferma ciò in Matrix Revolutions: Neo può fermare o far esplodere le Sentinelle (anche in gran numero), e anche quando a causa di Bane (in realtà l’Agente Smith che ha “sovrascritto” la sua mente in uno dei ribelli di Zion) rimane cieco, scopre di poter vedere gli impulsi energetici e il calore, come se stesse “leggendo” il codice dell’universo come se fosse il codice di Matrix. Neo fu, con l’aiuto di Trinity, il primo essere umano a uscire vivo da uno scontro con un Agente”.

 

To Top