Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Mannequin challenge anche sott’acqua: la sfida in piscina

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

LITTLE ROCK – Quando il mannequin challenge diventa impossibile. Fermi e immobili sott’acqua: si sono fatti riprendere così alcuni nuotatori dell’Università di Little Rock in Arkansas. La loro sfida finita ovviamente sui sociale è riuscita in pieno. Solo l’acqua si muove leggermente in questo mannequin challenge che inizia i immersione e si conclude poi sui bordi della piscina.

Il mannequin challenge ha come risultato un quadro vivente con delle persone paralizzate. Il gioco  richiama alla memoria le immagini di qualche pellicola in bianco e nero della fantascienza in cui il raggio più o meno mortale paralizzava le sue vittime prima di vaporizzarle.

Quel che spunta fuori nei video dei manichini è una carrellata di  umani alla ricerca disperata dell’attimo eterno. Si tratta di un gioco antico, che si faceva e si fa fino a verso i 5/6 anni. I bambini in genere lo chiamano uno, due, tre, stella. Allo “stella” ci si congela nella posizione, gesto, espressione. I bambini giocano così a scoprire quanto controllano il loro corpo e giocano a farsi venir da ridere. Oggi però, questa forma di gioco più o meno simile chiamata appunto mannequin challenge, sembra contagiare tutti, anche le persone più grandi.