Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Massimo Bottura prepara la lasagna “sonora”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

ROMA – Ovviamente gusto e olfatto, ma anche tatto e vista. E l’udito? Mentre in cucina i primi quattro sensi sono molto sollecitati, l’udito decisamente meno. Gusto e olfatto per ovvi motivi, vista per una questione estetica legata al piatto e tatto per tastare se un prodotto è buono e fresco oppure no. L’udito invece non è richiesto, ma non ditelo a Massimo Bottura. Lo chef ha infatti deciso di dare finalmente la giusta importanza anche all’orecchio in cucina, realizzando per T-Magazine il suo famoso piatto “la parte croccante della lasagna” in una stanza insonorizzata, mentre i microfoni riprendono tutte le sue azioni.

Come racconta il sito Dissapore, lo chef inizia preparando le lasagne con tre salse diverse: una bianca al parmigiano, una verde alle erbette e una al pomodoro, in seguito ridotte tutte a crema, per passarle subito dopo al disidratatore. Accostandole poi all’interno del forno e tirandole ottiene delle inedite chips tricolori. Per arrivare al gusto bruciacchiato mancano ancora tre passaggi: un velocissimo bagno nell’olio bollente, una bruciacchiatura con il cannello, l’attrezzo apposito, infine una passaggio nell’affumicatore. Questa bellissima mega chip si accoppia infine con il ragù e una besciamella leggera fatta col sifone.


PER SAPERNE DI PIU'