blitztv

YOUTUBE Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco

  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 2
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 7
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 6
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 5
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 4
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 3
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 2
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 7
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 6
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 5
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 4
  • Polizia sequestra marijuana: squatter arriva e prova a rubare un sacco 3

LONDRA – Un occupante abusivo di una casa che, a Londra, si trova vicino a Buckingham Palace, è uscito di casa per provare a rubare alla polizia un enorme sacco pieno di marijuana che era stato appena sequestrato dalla casa di fronte. La vicenda la racconta il Daily Mail che pubblica un video su YouTube. Durante una perquisizione in un appartamento viene scoperta una piantagione di marijuana. I poliziotti cominciano a caricare un camion con il materiale sequestrato quando improvvisamente un ragazzo entra di nascosto nel portone del palazzo e prova ad uscire con un enorme sacco di erba in mano. Un agente se ne accorge e il ragazzo scappa via lasciando cadere a terra la busta.

E’ accaduto a Grosvenor Gardens alle 07:30 di venerdì mattina. Il tentativo di furto è stato ripreso da un altro gruppo di squatter che abitano di fronte al numero 4.

Secondo gli inquirenti, a giudicare dai sacchi e dal materiale sequestrato, la “fabbrica” di cannabis era attiva da diverse settimane.

To Top