blitztv

YOUTUBE Primo matrimonio trans d’Italia. Alessia e Federico sposi: “Adinolfi? Per noi si può attaccare al tram”

Primo matrimonio trans d'Italia. Alessia e Federico sposi

Primo matrimonio trans d’Italia. Alessia e Federico sposi

NAPOLI – Circondati da una folla di curiosi che l’ha seguiti nella stanza del Comune di Aversa, alle 16,55 ha pronunciato il suo sì Alessia Cinquegrana, 29 anni, la prima trans che si è potuta unire in matrimonio in Italia dopo aver ottenuto il riconoscimento del nuovo sesso senza passare per un intervento chirurgico. Abito lungo rosa cipia, Alessia è arrivata in piazza Municipio mano nella mano con il suo compagno e ora marito Michele Picone, 27 anni. Fidanzati da circa 11 anni, hanno lottato insieme per ottenere il riconoscimento della nuova sessualità’ di Alessia da parte del tribunale di Napoli, arrivato a fine 2016.

Ad accompagnarli, la madre di lei, Filomena Della Vecchia, e il suo compagno, Federico Balbasso. “Sono emozionata – dice la mamma della sposa – sono stata sempre vicino a mia figlia e l’ho sostenuta perché lei è sempre stata donna”. Assenti il padre della ragazza, che ha preso le distanze dalle sue scelte, così come i genitori di Michele.  “Non hanno mai accettato mia figlia – spiega Della Vecchia – purtroppo ognuno ragiona in un certo modo”.

San raffaele

Il matrimonio è stato celebrato dall’ufficiale di stato civile Anna Belluomo, e dal vice sindaco, Federica Turco. Tra decine di fotografi, i due sono apparsi emozionatissimi. “Non mi aspettavo tutto questo clamore – racconta Alessia – questa giornata è una vittoria per me e per tutte le altre persone che si sono trovate nella mia stessa situazione. Io sono donna, mi sono sempre sentita donna. Donna si nasce. Ora il mio desiderio e quello di Michele e’ quello di adottare una bambina”. Quanto alla scritta omofoba comparsa questa mattina sul muro del comune, “sono cose che fanno male a noi e alla nostra famiglia. Ma queste sono persone represse mentre io sono contenta di quel che sono, sensibile e molto cattolica”. Presente anche il suo avvocato, Eliana Capurro, presidente dell’associazione Atn. “Il caso di Alessia farà da apripista anche per l’adozione così come per il matrimonio. Oggi è una donna a tutti gli effetti con l’equiparazione”. La nuova coppia il 22 luglio prossimo festeggerà le nozze con il classico pranzo con parenti e amici.

la coppia ha raccontato la loro storia a La Zanzara su Radio 24 Alessia Cinquegrana si chiamava Giovanni e a gennaio ha ricevuto la nuova carta d’identità come donna senza fare l’operazione di cambio di sesso: “E’ stato un matrimonio vero, quello che sognavo. E’ arrivato. A dicembre ho cancellato il nome di Giovanni, e a gennaio mi hanno dato la nuova carta di identità. Sono in regola. Adinolfi? Quelli come lui si possono attaccare al tram”.

“Voglio avere dei figli, non adesso. Ma in futuro sì”. Parla anche Michele Picone, lo sposo, 30 anni: “Adinolfi? Non lo conosco, sarà un malformato mentale, siamo nel 2017”. Alessia non si è ancora operata, ha ancora il pene: “Se non vuole fare l’operazione non voglio forzarla, non la voglio obbligare se non se la sente. A me piace pure così, per me è la stessa cosa. A me interessa la parte femminile, non quella maschile. Per me quella parte non esiste”. “Figli? Se possiamo adottare – dice lui – e salvare qualche bambino dall’orfanotrofio lo faremo” Poi annunciano: “Andremo al Maurizio Costanzo Show”. Agenzia Vista ha pubblicato il video del loro matrimonio.

To Top