Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE “Ragazza posseduta” riceve esorcismo in Nicaragua

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

ROMA – “Ragazza posseduta“. Secondo quanto riportato dal DailyMail, a San Rafael del Sur, in Nicaragua, una 13enne è stata vittima di un esorcismo. Nel filmato diffuso in rete si vede una giovane sdraiata su un letto in preda a delle convulsioni. Si agita, poi inizia a urlare e vomitare. Intorno a lei ci sono alcune persone che tentano di calmarla e trattenerla. Fonti locali riferiscono che la giovane è stata colpita dalla presunta possessione demoniaca mentre stava giocando insieme ai suoi amici alla tavola ouija, un piccolo strumento usato per le comunicazioni medianiche, ideato nella metà del XX secolo, da molti ritenuto un oggetto satanico. In realtà, una delle ipotesi è che la protagonista del video sia affetta da qualche patologia, scambiata per possessione demoniaca dai suoi amici e familiari.

Lo scorso giugno, un altro filmato relativo a un presunto esorcismo ha fatto il giro della rete. Anche in questo caso la protagonista è una ragazza, esorcizzata da un uomo con un Corano in mano, che accende un fiammifero vicino al volto della giovane, le accarezza la fronte, la guarda fisso negli occhi e le fa bere un bicchiere d’acqua. La donna si tranquillizza per qualche secondo, prima di urlare con tutta la sua forza, al punto da svenire sul divano sopra il quale è seduta.

Padre Cipriano de Meo, da Foggia, sostiene di aver praticato esorcismi per più di 64 anni e ha ora ha spiegato come si individua e si riconosce una persona “posseduta” dal demonio:

“L’esorcista in genere dice una preghiera prolungata fino al punto in cui se l’avversario (il demone) è presente, c’è una reazione”. Secondo il religioso, questa reazione spesso include “espressioni facciali, parole o gesti e soprattutto bestemmie contro Dio e la Madonna (…) L’esorcismo è diretto alla espulsione dei demoni o a liberare dall’influenza demoniaca, attraverso l’autorità spirituale che Gesù ha affidato alla sua Chiesa. La malattia, in particolare malattia psicologica, è una questione molto diversa – e occuparsene è compito della scienza medica”.

Initialize ads