Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Scontro treni Puglia: “Ho salvato mio marito scavando sotto lamiere”

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

BARI – “Sono andata scalza sotto le macerie. Ho scavato sotto le lamiere e ho salvato mio marito”. Il racconto choc è quello di un’anziana superstite nel disastro ferroviario in Puglia. Due treni regionali si sono scontrati nella tarda mattinata di mercoledì 12 luglio sulla tratta Corato – Andria delle Ferrovie del Nord Barese. Il bilancio è terrificante: 25 morti e numerosi feriti.

Un giornalista dell’emittente locale Telesveva raccoglie la testimonianza di questa anziana coppia. Il marito ha una benda in testa, è ancora frastornato. Il racconto della donna è raccapricciante: “Ho visto le persone a pezzi”. L’uomo aggiunge: “Abbiamo visto un macello per terra e poi non abbiamo sentito più nulla”.

Un altro superstite racconta: “Stavo ascoltando della musica, quando all’improvviso mi sono trovato a terra. Ho visto anche il controllore a terra. È stato bruttissimo, sono riuscito a liberarmi dopo 5 minuti. Quando mi sono alzato ho visto l’inferno”.

Mentre un agente di polizia, con la divisa ancora impolverata, riferisce dei drammatici istanti, appena accorsi sul posto. Lui è stato uno dei primi ad arrivare: “Una scena spaventosa, allucinante. Ho visto persone morte, altre che chiedevano aiuto, persone che piangevano. La scena più brutta della mia vita”.

Immagine 1 di 28
  • Corato-Andria: scontro fra treni, 20 morti e diversi feriti FOTO-VIDEO2Foto Ansa
  • Foto Ansa
  • Foto Ansa
  • Foto Ansa
  • Foto Ansa
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • In una immagine pubblicata su Facebook dal sindaco di Corato, Massimo Mazzilli ANSA/FACEBOOK
  • Lo scontro tra due treni di linea della Bari Nord avvenuto sul tratto a binario unico tra Ruvo di Puglia e Corato, 12 luglio 2016. ANSA/FERMO IMMAGINE SKY TG24
  • Lo scontro tra due treni di linea della Bari Nord avvenuto sul tratto a binario unico tra Ruvo di Puglia e Corato, 12 luglio 2016.ANSA/FERMO IMMAGINE SKY TG24+++ ANSA
  • Lo scontro tra due treni di linea della Bari Nord avvenuto sul tratto a binario unico tra Ruvo di Puglia e Corato, 12 luglio 2016. ANSA/FERMO IMMAGINE SKY TG24
  • Lo scontro tra due treni di linea della Bari Nord avvenuto sul tratto a binario unico tra Ruvo di Puglia e Corato, 12 luglio 2016. ANSA/FERMO IMMAGINE SKY TG24
  • Lo scontro tra due treni di linea della Bari Nord avvenuto sul tratto a binario unico tra Ruvo di Puglia e Corato, 12 luglio 2016. ANSA/FERMO IMMAGINE SKY TG24 +++ ANSA PROVIDES
  • Una immagine di google street view mostra un tratto della linea ferroviaria tra Corato e Ruvo di Puglia. ANSA/GOOGLE STREET VIEW
  • Lo scontro tra due treni di linea della Bari Nord avvenuto sul tratto a binario unico tra Ruvo di Puglia e Corato ANSA/FERMO IMMAGINE SKY TG24
  • Ansa
  • Una immagine di google street view mostra un tratto della linea ferroviaria tra Corato e Andria. ANSA/GOOGLE STREET VIEW
  • Una immagine di google street view mostra un tratto della linea ferroviaria tra Corato e Andria. ANSA/GOOGLE STREET VIEW
  • Una immagine di google street view mostra un tratto della linea ferroviaria tra Corato e Andria. ANSA/GOOGLE STREET VIEW
Immagine 1 di 28

PER SAPERNE DI PIU'