Blitz quotidiano
powered by aruba

YOUTUBE Terremoto: soccorritore conforta donna nelle macerie

Tieniti aggiornato con Blitz quotidiano:

ROMA – Della donna sepolta sotto un cumulo di macerie si riconosce solo un braccio. E’ in pigiama, coperta di massi, pezzi di muro, ma miracolosamente viva.

E il soccorritore accanto a lei sta cercando di salvarla, di liberarla. Sa che dovrà spostare dei massi ma che nell’operazione qualcosa potrebbe andare storto e allora cerca di tranquillizzare la donna. Le chiede se respira, le dice si aspettare i vigili, in arrivo, che sanno sicuramente come gestire la situazione. Il video è stato girato a Capodacqua, Ascoli Piceno, uno dei Comuni colpiti dal terremoto del 24 agosto.

Il maggior numero di danni al momento si registra nella zona di Amatrice, nella parte settentrionale della provincia di Rieti che in questo periodo ospita molti turisti. Nelle Marche il sisma ha provocato crolli “a macchia di leopardo” in tre province: Ascoli Piceno, Fermo e Macerata.

I danni maggiori si registrano ad Arquata del Tronto e Pescara del Tronto (Ascoli), e ad Amandola (Fermo), dove è caduto un cornicione dell’ospedale Mogliano e Gualdo (Macerata). La scossa è stata avvertita chiaramente, conferma il centralino dei vigili del fuoco, anche in tutta Roma, non solo nei piani alti degli edifici. Molte persone sono scese in strada.

Alla prima scossa, che ha fatto oscillare con evidenza i lampadari, ne sono seguite almeno altre due più leggere. Poi alle 4.33 una scossa molto più forte, quasi quanto la prima, ma più breve: 6 secondi rispetto ai 14 di quella iniziale. Al momento a Roma non vengono segnalati danni e il 115 invita a seguire le notizie sul web e in tv. La prima scossa è stata sentita in quasi tutta l’Italia centrale innescando chiamate ai centralini delle forze dell’ordine. La zona dell’epicentro è considerata ad alto rischio sismico. Il capo del Dipartimento della protezione civile Fabrizio Curcio ha convocato il Comitato operativo dopo la scossa di terremoto.

Initialize ads


PER SAPERNE DI PIU'