Blitz quotidiano
powered by aruba

Alfred Hitchcock, nuovo libro: “Un mostro che torturava le sue attrici”

ROMA – “Alfred Hitchcock era un represso che molestò e torturò la psiche di tutte la protagoniste dei suoi film. Da bambino era spaventato da tutto, dai gesuiti e dalle punizioni”. Un nuovo libro rivela quindi che dietro il maestro della tensione, c’era un uomo grasso che odiava il proprio corpo e un sociopatico. Da piccolo Hitchcock non usciva dalla stanza, faceva viaggi immaginari e, quando dovette davvero prendere il treno, si impaurì di tutto. Dopo il successo disse: “Ero terrorizzato dalla polizia, dai padri Gesuiti, dalle punizioni fisiche, da tutto. Questa paura è alla base dei miei lavori e mi sono vendicato terrorizzando gli altri”.

Come scrive Caroline Howe per il Daily Mail, represso, divenne ossessionato dalle sue attrici protagoniste Grace Kelly, Vera Miles, Kim Novak, Janet Leigh e Tippi Hedren. Cercò di controllarle in ogni modo, sul set e nella vita privata. Lo racconta Peter Ackroyd nella biografia “Alfred Hitchcock”, che sarà pubblicata ad ottobre. Si divertiva a torturarle, a raccontare loro storie oscene.

Adorava la combinazione di frigidità e passione di Grace Kelly, “un vulcano coperto di neve”, ma sul set ci mise cinque giorni a farle girare una scena con un gangster, che la lasciò piena di lividi. Il regista credette di averla salvata dalla freddezza mostrando al mondo il suo fuoco. Hitchcock fece voto di castità dopo aver fatto con la moglie Alma Reville. Lei rimase incinta e questo mise fine ai loro rapporti intimi. Fu un lungo matrimonio senza . L’educazione cattolica gli infuse un profondo senso di colpa per qualsiasi funzione corporea. Se andava in bagno, puliva bene così sembrava che non ci fosse stato nessuno.

Nei suoi film ci sono ricorrenti elementi omosessuali e bisessuali. Pare che il regista una volta si vestì da “drag” per un cameo nel film “North By Northwest”. Le ossessioni da bambino lo perseguitarono fino alla fine. Era nevrotico, controllava gli altri per rendersi invulnerabile. Una volta disse: «Sono sempre stato eccezionalmente brutto. E peggio, ne ero consapevole». Mangiava molto, nell’armadio aveva sei completi blu-scuro identici, dieci cravatte uguali, sei paia di scarpe dello stesso modello, calzini e indumenti intimi in serie. Nella cantina aveva prosciutti e bistecche, importava il bacon dall’Inghilterra.

Hitchcock torturò psicologicamente Vera Miles, e Joan Fontaine. Le disse che il cast la odiava e che poteva fidarsi solo di lui. Durante le riprese le sussurrava oscenità in continuazione. Controllava il modo in cui camminava, parlava, sorrideva, le compagnie che frequentava, la dieta che faceva. Poi fu la volta di Kim Novak e di Janet Leigh. Per farla gridare nel modo giusto, mise nel suo camerino una copia mummificata della vecchia signora Bates di “Psycho”. Prima delle riprese, come al solito, le raccontò storie sporcaccione.