Blitz quotidiano
powered by aruba

Gianni Rondolino: morto a Torino autore del Rondolone

Morto Gianni Rondolino, professore e studioso del cinema. Autore del Rondolone, era anche critico cinematografico per La Stampa.

TORINO – È morto a Torino il critico e studioso di storia del cinema Gianni Rondolino. Tra pochi giorni avrebbe compiuto 84 anni. Per anni docente all’Università di Torino, fu autore di molti libri. Molto noto il suo volume su la storia del Cinema, che gli studenti hanno sempre chiamato “Rondolone” per le sue dimensioni, quasi 800 pagine. Rondolino è stato critico cinematografico per La Stampa. Nel 1981 fondò il Festival Cinema Giovani, diventato poi Torino Film Festival.

Francesca Rosso su La Stampa lo ricorda così:

Ha segnato la formazione di generazioni di studenti che oggi sono critici, giornalisti, docenti, operatori culturali.

Le sue lezioni erano semplici e appassionate. Era ossessionato dall’essere comprensibile: «Non so se è chiaro» ripeteva fino allo sfinimento, fino a che anche l’ultimo studente nell’ultima fila dell’aula 36 di Palazzo Nuovo non faceva segno di sì con la testa; come i grandi insegnanti incoraggiava ciascuno a credere in sé e a trovare una via originale di esprimersi; era innamorato dei film non narrativi, strani, originali. Oltre che della sua famiglia, di sua moglie Lina con la quale andava in giro per i festival e dei suoi figli Fabrizio e Nicola, morto 3 anni fa.

Paolo Damilano, presidente di Film Commission e Museo del Cinema, sottolinea l’importanza di Rondolino per la Torino del Cinema: «Se la città oggi è una capitale del cinema italiano molto del merito va a Gianni Rondolino che ha saputo dare una centralità nazionale agli eventi che sono cresciuti a Torino. E lo ha fatto grazie alla passione e alla forza della sua straordinaria cultura cinematografica. Lascia un grande vuoto e non va dimenticato».


TAG:

PER SAPERNE DI PIU'