Cinema

Leah Adler, la mamma di Steven Spielberg, è morta: “Era il mio portafortuna”

Leah Adler, la mamma di Steven Spielberg, è morta: "Era il mio portafortuna"

LOS ANGELES – Addio a Leah Adler, la mamma del celebre regista di Steven Spielberg. La donna è morta all’età di 97 anni e a dare il triste annuncio sono stati i suoi familiari su Facebook. Una gravissima perdita per il regista, che nel suo discorso per il premio Oscar alla regia di Schindler’s List nel 1994 l’aveva definita “il mio portafortuna”.

Leah si è spenta a Los Angeles nella sua casa e circondata dalla sua famiglia. La mamma del regista era una pianista e una pittrice, nata a Cincinnati e cresciuta durante gli anni della grande depressione. Nel 1945 sposò Arnold Mayer Spielberg, dal quale ha avuto quattro figli, Steven, Anne, Sue e Nancy. Nel 1964 la mamma di Spielberg divorzia dal padre e si risposta con Bernie Adler e si trasferisce a Los Angeles, dove apre un ristorante kosher “The Milky Way”.

Proprio a Los Angeles i figli iniziano a lavorare nel cinema ed è lì che Steven sviluppa la sua passione per la regia, diventando uno dei migliori registi dei nostri tempi. La famiglia ha chiesto a chi volesse renderle omaggio di non inviare fiori, ma di effettuare donazioni in suo nome. In un comunicato stampa della Amblin Partners, società di produzione di Steven Spielberg, si legge:

“Leah era conosciuta per il suo rossetto rosso e per il taglio di capelli da Peter Pan, per il suo amore per le margherite, per i suoi blue jeans e il sorriso scintillante, per il modo in cui danzava tra un tavolo e l’altro del suo ristorante, per il suo amore per il campeggio, la pesca e il cruciverba. Ma soprattutto Leah sarà ricordata per la sua capacità di dare amore senza limiti a chi la circondava”.

To Top