Blitz quotidiano
powered by aruba

Mastroianni, così riuscì a baciare Claudia Cardinale

ROMA – Marcello Mastroianni e il corteggiamento, serratissimo, a Claudia Cardinale. E’ la regista Liliana Cavani a ricordare un episodio di tanti anni fa che riguarda l’attore scomparso. Ecco cosa dice a Il Secolo XIX:

Dolcissimo, ma anche serio. Concentrato, eppure capace di immensa leggerezza, come quella volta che senza peli sulla lingua si rivolse a Liliana Cavani che gli aveva affidato nella Pelle il ruolo di Curzio Malaparte: «Aveva sempre amato Claudia Cardinale – racconta la regista -, così un giorno mi chiama e mi dice “Liliana, che non ti venga in mente di dire “buona la prima”». La sequenza in questione prevedeva un bacio con l’attrice che nel film era la Principessa Consuelo Caracciolo. Per questo Marcello Mastroianni, l’amante latino desiderato da eserciti di donne, chiedeva che la scena fosse ripetuta tante volte: «Naturalmente – sorride Cavani – feci come voleva lui, così finalmente l’ha potuta baciare…». Semplice, mite, diretto, antidivo per antonomasia, impareggiabile in quella recitazione naturale che gli permetteva di diventare chiunque, Mastroianni è il grande protagonista della retrospettiva in 50 film che il «Bari International Film Festival» gli dedica a partire da oggi, nel ventennale della scomparsa: «Era innamorato del suo lavoro – continua Cavani -, gli piaceva molto stare sul set e la troupe lo amava. Che belle le serate in cui si cucinavano gli spaghetti tutti insieme». Quando poi arrivava il momento di lavorare, ogni volta dava il meglio di sè: «Tutti i film che ha interpretato, anche quelli scadenti, si sono arricchiti della sua presenza. Ha conferito loro dignità, li ha migliorati».