Cinema

Michelle Pfeiffer: “Scarface? Ero terrorizzata, piangevo tutte le notti”

Michelle Pfeiffer: "Scarface? Ero terrorizza, piangevo tutte le notti"

Michelle Pfeiffer: “Scarface? Ero terrorizza, piangevo tutte le notti”

ROMA – Michelle Pfeiffer torna sulla scena dopo 4 anni lontano dai riflettori e racconta i retroscena del film che l’ha resa famosa: Scarface. “Ero terrorizzata dal set e piangevo tutte le notti”, racconta l’attrice ricordando l’esperienza vissuta in un luogo di lavoro dove erano tutti uomini, tranne lei e la collega Mary Elizabeth Mastrantonio.

L’attrice torna sul grande schermo con il film Assassinio sull’Orient Express, adattamento cinematografico del romanzo di Agatha Christie, al fianco di Johnny Depp e Penelope Cruz. L’altra pellicola da protagonista invece è The Wizard of Lies, con Robert De Niro. E mentre pensa al suo ritorno, non può non parlare del suo passato e del film del 1983 diretto da Brian De Palma che le ha donato la fama internazionale al fianco di Al Pacino, come scrive il Corriere della Sera:

“Nell’intervista Michelle è un fiume in piena e racconta tanti particolari del film in cui recita la parte di Elvira, la bellissima compagna del narcotrafficante Toni Montana, a sua volta interpretato da un indimenticabile Al Pacino: «Posso dire solo che ero terrorizzata – spiega l’attrice, che all’epoca era alla sua prima vera pellicola da protagonista -. Le riprese sono durate 6 lunghi mesi. Io e la collega Mary Elizabeth Mastrantonio (la sorella di Toni Montana nel film, ndr) eravamo le uniche due donne sul set che era un vero club per ragazzi».

Michelle non immaginava che quel personaggio l’avrebbe fatta conoscere in tutto il mondo, ma anzi temeva per la sua carriera futura: «Sia la natura del rapporto sentimentale con Tony Montana sia la vergogna che provavo per il mio personaggio, mi facevano tornare a casa in lacrime»”.

 

To Top