Cinema

Paolo Sorrentino incontra Veronica Lario: le ha chiesto consigli per il film su Berlusconi

Paolo Sorrentino incontra Veronica Lario: le ha chiesto consigli per il film su Berlusconi

Paolo Sorrentino incontra Veronica Lario: le ha chiesto consigli per il film su Berlusconi

ROMA – Paolo Sorrentino chiede di incontrare Veronica Lario e lei non si nega. Cosa si siano detti il regista e l’ex moglie di Silvio Berlusconi non è dato saperlo. Ma è chiaro che il faccia faccia abbia riguardato il nuovo attesissimo film del regista premio Oscar.

S’intitola Loro, sul set quest’estate ad agosto, ed è incentrato sulla figura di Silvio Berlusconi e la sua corte: il loro del titolo evoca subito un’immagine storica di Berlusconi. Correva l’anno 1995 e alle Bermuda faceva jogging con gli amici di sempre: Fedele Confalonieri, Adriano Galliani, Carlo Bernasconi, Gianni Letta e Marcello Dell’Utri. Ma loro è anche declinato al femminile, inteso come Ruby Rubacuori e le olgettine.

E poi c’è Lei, Veronica Lario, figura chiave e personaggio importantissimo per l’epopea che Sorrentino si appresta a raccontare. Secondo quanto riporta il quotidiano la Stampa, il regista e l’ex attrice si sarebbero scambiati “idee, forse racconti” e consigli sulle nuance da dare al personaggio. A fare le veci della signora Berlusconi, sul grande schermo, dovrebbe essere Elena Sofia Ricci.

Scrive la Stampa: “Il contratto non è ancora siglato e, nel mondo dello spettacolo, si sa, vige la regola del silenzio (anche solo scaramantico) ma Veronica Lario non nasconde la sua approvazione. Conosce la Ricci e la stima, quindi niente da dire. E se la fisicità delle due donne è piuttosto diversa, nei visi le somiglianze non mancano, dai grandi occhi chiari al piglio determinato”.

Nei panni del protagonista invece ci sarà l’insostituibile Toni Servillo, il grande interprete campano, quasi un attore feticcio per Sorrentino alla quinta collaborazione insieme. Curiosamente è il secondo film di Sorrentino con Servillo presidente del consiglio, dopo il Divo in cui interpretava Giulio Andreotti ora Loro nei panni di Berlusconi.

Perché un film su Berlusconi? “Perché sono italiano – ha spiegato il regista a Cannes – e voglio fare film sugli italiani. Berlusconi è un archetipo dell’italianità e attraverso lui puoi raccontare gli italiani”.

Il film, che sarà prodotto come gli altri di Sorrentino dalla Indigo (Nicola Giuliano, Francesca Cima e Carlotta Calori), è stato acquisito da Focus Features e verrà distribuito da Universal Pictures Italy per il mercato italiano.

To Top