Cinema Video

YOUTUBE Pirati dei Caraibi: la vendetta si Salazar: video recensione del film

YOUTUBE Pirati dei Caraibi: la vendetta si Salazar: video recensione del film

YOUTUBE Pirati dei Caraibi: la vendetta si Salazar: video recensione del film

ROMA – Oggi parliamo dell’attesissimo nuovo capitolo di una delle saghe più di successo degli ultimi anni, ovvero Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar. In questo nuovo aggiornato episodio della fortunata saga, troviamo in primis Johnny Depp e il suo Jack Sparrow, probabilmente il simbolo della saga stessa. Poi ancora Geoffrey Rush, nei panni di Hector Barbossa, Orlando Bloom in quelli di Will Turner, i due nuovi Brenton Thwaites e Kaya Scodelario, rispettivamente nei ruoli di henry Turner e Carina Smith. E dulcis in fundo il cattivo di turno, il poliedrico Javier Bardem che interpreta il capitano Armando Salazar. CLICCA QUI PER TUTTE LE VIDEO RECENSIONI.

In questo nuovo capitolo della saga il capitano più amato di sempre, Jack Sparrow, dovrà regolare i conti con un vecchio nemico, il capitano Salazar, tornato dal regno dei defunti per farsi vendetta e rivendicare il suo posto tra i mari. Jack stringe un’alleanza con il giovane Henry Turner, il quale vuole a sua volta spezzare la maledizione dell’olandese volante che incombe sul padre Will. Ai due si unisce anche l’astronoma Carina Smith. I tre, attraverso i consueti e canonici capovolgimenti di fronte, simboli della saga, dovranno cercare il famoso tridente di Poseidone, ovvero l’unica speranza per Jack di salvarsi, Per henry di aiutare Will Turner, Per carina di esaudire il desiderio del padre.

Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar è un film che vive principalmente attraverso il suo essere d’intrattenimento, attraverso quel suo lato d’avventura che ben caratterizzava i primi tre film della saga. Nonostante questo, e nonostante l’intrattenimento, il film si perde nel limbo della fantascienza, lasciando, consapevolmente o meno, che siano le vicende e le situazioni maggiormente più surreali e spesso fin troppo impossibili a fare il cosiddetto intrattenimento. Questo potrebbe provocare un certo distacco dal pubblico, al quale molte cose non vengono neanche solo minimamente spiegate.

To Top